Gennaio: no, febbraio: no, marzo nemmeno. E’ Aprile il mese che mi rievoca il più bel ricordo legato alla neve, oserei definirlo un sogno, che ho deciso di rivivere e far rivivere, sottoforma di racconto. Lo scrissi a suo tempo, e l’ho ricorretto solo oggi… Potenza, 10 Aprile 1991, un giorno come tanti. Era appena iniziata la Primavera e le settimane precedenti, tra piovaschi e sciroccate, ci avevano regalato delle giornate fantastiche, calde e profumate di fiori, dopo un inverno decisamente rigido.

Ricordo che già a fine Marzo si poteva uscire da scuola in maniche di camicia per evitare di sudare, e non solo per via gli zaini pesanti. Quella sera piovosa, umida e fresca (appena 9°C) le trasmissioni e i bollettini meteo annunciavano un deciso peggioramento per le regioni centro meridionali con piogge a carattere temporalesco, anche di forte intensità; il classico “colpo di coda” dell’inverno.

La neve, parola quasi tabù per il mese di Aprile anche a Potenza, era destinata ad altezze superiori ai 1400-1600 metri. Il giorno 13 era prevista la tanto attesa visita pastorale del Pontefice Giovanni Paolo II, un evento storico per l’intera regione e per il quale la città si stava preparando da settimane con addobbi di ogni genere come mai avevo visto prima. …

Continua al seguente link: http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/l-eccezionale-nevicata-a-potenza-del-11-12-aprile-91/1026/
Fonte: MeteoLive.it