Viva Ale nelle scuole con il progetto “Ti racconto la Malattia Rara”

Le attività coinvolgeranno nell’anno scolastico 2022-2023 circa 500 studenti di istituti di ogni ordine e grado: le lezioni saranno tenute da pazienti di patologie rare dai 15 ai 30 anni appositamente formati dalla Fondazione Alessandra Bisceglia

512

Giovedì 14 luglio 2022 – La Fondazione Alessandra Bisceglia ha ottenuto un contributo dalla Banca d’Italia per la realizzazione di un programma rivolto al mondo della scuola, che nasce dall’idea di “raccontare il valore della rarità e promuovere l’importanza dell’accoglienza e dell’inclusione”.

Ad annunciarlo, Raffaella Restaino, referente per i rapporti istituzionali di ViVa Ale e responsabile del progetto dal titolo “Ti racconto la Malattia Rara”. Nello specifico si realizzerà nel corso dell’anno scolastico 2022-2023, un’azione di sensibilizzazione sul tema delle malattie rare rivolta agli alunni delle classi quarte e quinte della scuola primaria e prime e seconde della scuola secondaria di primo grado.

“L’obiettivo – spiega Restaino – è quello di favorire una maggiore consapevolezza e informazione sulle malattie rare nei confronti dei pazienti, ma anche degli studenti, invitati in questo modo a favorire l’inclusione sociale di chi ne soffre”.
La peculiarità del progetto sta nel fatto che saranno alcuni pazienti dai 15 ai trent’anni, affiancati da psicologi e da altro personale esperto ad incontrare le classi selezionate, coinvolgendo gli studenti in attività di lettura, ascolto e comprensione di materiali sulle malattie rare.

“In questo modo – sottolinea la Restaino, responsabile del progetto – i pazienti diventano protagonisti e sono messi al centro di un percorso di potenziamento delle proprie risorse e competenze personali, sociali e civiche”.
Per formare i futuri “facilitatori” è stato già avviato un ciclo di sei incontri (il 13 luglio si è svolto il terzo) tenuto da psicologhe che collaborano con ViVa Ale e da concludersi entro l’estate, in modo da far partire già settembre, nelle scuole contattate fra maggio e giugno che hanno aderito, il progetto “Ti racconto la Malattia Rara”.

Il percorso formativo coinvolgerà almeno 500 studenti di scuole di ogni ordine e grado. “Gli obiettivi del progetto – prosegue Restaino – sono i seguenti: promuovere la crescita individuale dei pazienti in termini di consapevolezza personale e del loro essere rispetto alla patologia e alla loro condizione di giovane portatore di una patologia rara; favorire la creazione di processi e percorsi inclusivi a partire dal contesto scolastico; supportare processi di orientamento professionale in ambito psico-sanitario, al fine di promuovere una scelta formativa più consapevole; divulgare temi legati alle malattie rare e alle malformazioni vascolari in particolare”.

Nell’ambito del progetto gli studenti saranno coinvolti nell’elaborazione di un lavoro finale sotto forma di favola per la scuola primaria e di video per la secondaria di primo grado: i più significativi saranno inseriti tra gli strumenti che la Fondazione utilizzerà nella propria attività di comunicazione. Sarà previsto inoltre un incontro finale per la presentazione degli elaborati selezionati.