L’Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata, è impegnato fin dal 2011 nella ricerca e prevenzione dello stress lavoro-correlato nelle scuole, attraverso una commissione interistituzionale che ha visto anche la partecipazione dell’INAIL, della Regione, delle ASL, della Consigliera Regionale di Parità, dell’Ordine Regionale degli Psicologi, delle Organizzazioni Sindacali, di un magistrato ed esperti di varia provenienza.
Grazie al lavoro svolto in questi anni, coordinato dall’Ing. Pasquale Costante, responsabile dell’Ufficio Tecnico di Coordinamento Regionale per la Sicurezza nelle istituzioni scolastiche, è stato elaborato un metodo originale di valutazione del rischio stress lavoro correlato nelle scuole.
AppleMark
ing. Pasquale Costante
Tale metodologia ha ottenuto il riconoscimento di “buona pratica” ed è stata premiata durante la cerimonia di chiusura della Campagna europea “Insieme per la prevenzione e la gestione dello stess lavoro-correlato”, promossa dall’Agenzia europea per la sicurezza e la salte sul lavoro.
Analogo riconoscimento è stato assegnato ad altre aziende e organizzazioni che hanno apportato contributi eccezionali e innovativi per la gestione efficace dello stress e dei rischi psicosociali sul lavoro.
L’innovazione introdotta dall’Ufficio Scolastico Regionale di  Basilicata riguarda la realizzazione di una metodologia del tutto originale che individua e assegna un diverso valore ai fattori di rischio stress lavoro-correlato nella scuola, coinvolge fin dall’inizio tutti i lavoratori nella valutazione, consente di tener conto di eventuali discriminazioni di genere, in modo da pervenire ad una valutazione di genere del rischio stress lavoro-correlato.
scuole
Il metodo si avvale di un supporto informatico disponibile gratuitamente dalle scuole che ne fanno richiesta, sul sito http://www.utsbasilicata.it
Lo stesso è già stato adottato dall’87% delle scuole della Basilicata, con il coinvolgimenti di circa 9.300 lavoratori, e da oltre 100 scuole della regione Puglia.
All’USR Basilicata è stato assegnato anche un secondo riconoscimento, come “Partner nazionale” della campagna ambiente di lavoro sani e sicuri 2014-15.