L’Irccs Crob è partner del Master di II livello “Produzioni agroalimentari: Qualità e salute”. Il corso formativo nasce per rispondere alla crescente richiesta del mercato di professionisti specializzati nelle conoscenze della relazione tra alimento e salute.

irccs-crob
L’Irccs Crob di Rionero in Vulture

Il master è il frutto di attive collaborazioni sul territorio lucano tra enti di ricerca, l’Università della Basilicata e l’Irccs Crob, e aziende del comparto alimentare” spiega Patrizia Romano docente della Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali e referente scientifica del master.

Il sistema alimentare ha subito grandi cambiamenti che hanno allontanato il rapporto tra la produzione e il consumatore, dove un ruolo chiave è svolto dai sistemi di conservazione degli alimenti. Il master si pone l’obiettivo di formare una nuova figura professionale in grado di affrontare i diversi punti critici di questo percorso per garantire la sicurezza alimentare del consumatore con competenze e professionalità interdisciplinari in scienze agrarie e tecnologie alimentari, scienze dell’alimentazione, nutrizione, conoscenze giuridiche e il ruolo svolto dall’alimentazione per la prevenzione delle malattie.

Siamo orgogliosi di prendere parte a questo importante progetto formativo insieme all’Università degli Studi di Basilicata”, ha commentato il direttore generale dell’Irccs Crob Giuseppe Nicolò Cugno. “La sicurezza alimentare è fondamentale per salute pubblica in quanto comportamenti alimentari inappropriati sono fattori di rischio per l’insorgenza di svariate patologie che incidono in maniera rilevante sulla mortalità e sui costi dei Sistemi Sanitari”, ha asserito il direttore.

Giuseppe Cugno, direttore Irccs Crob
Giuseppe Cugno, direttore Irccs Crob

Il master – conclude la professoressa Romano – ha lo scopo di trasferire queste competenze specifiche e l’alimentazione sarà trattata come strategia per la prevenzione di tumori e di altre malattie, al fine di determinare la relazione tra nutrizione e alimento e per lo studio del benessere legato al consumo dei cibi”.