Nella settimana dal 21 al 26 settembre “OpenDì”. Per tutta la settimana presso lo sportello “Pronto Alzheimer” dell’Associazione (situato presso il Don Uva di Potenza, via Ciccotti 44) i volontari dell’associazione forniranno materiale informativo e saranno a disposizione per quesiti medici, psicologici e legali. Saranno presenti i Medici, le psicologhe e le educatrici del “Nucleo Alzheimer” del Don Uva.
La malattia di Alzheimer è la più comune causa di demenza (rappresenta il 60% di tutti i casi). È un processo degenerativo che colpisce progressivamente le cellule cerebrali, provocando quell’insieme di sintomi che va sotto il nome di “demenza”, cioè il declino progressivo e globale delle funzioni cognitive e il deterioramento della personalità e della vita di relazione.
Secondo il Rapporto mondiale Alzheimer condotto dall’ “Alzheimer’s Disease International” in Italia ci sono attualmente 1.241.000 persone con demenza, che diventeranno 1.609.000 nel 2030 e 2.272.000 nel 2050.
I nuovi casi nel 2015 sono 269.000 e i costi ammontano a 37.6 miliardi di euro. Alla luce di questi nuovi dati, il Governi ha predisposto il Piano Nazionale Demenze.
In Basilicata vivono oltre 100.000 anziani ultra 65enni, con una di circa 10.000 demenze di cui almeno 5.000 con malattia di Alzheimer.
A fronte di questi numeri, l’Associazione Alzheimer Basilicata si è fatta sempre promotrice con le istituzioni per richiedere servizi e riconoscere i diritti dei i malati lucani e delle loro famiglie.
Infatti, con deliberazione della Giunta regionale del 28 luglio 2011, n. 1113 è stato approvato il Progetto di “Riorganizzazione della Rete Regionale per le demenze” con l’obbiettivo di GARANTIRE una diagnosi adeguata e tempestiva di demenza, MIGLIORARE la qualità delle cure e della vita degli anziani dementi e dei loro familiari; FAVORIRE il mantenimento a domicilio degli anziani colpiti da sindromi demenziali; ADEGUARE, espandere e specializzare la rete dei servizi socio-sanitari nella “presa in carico” e “cura” di soggetti dementi; MODIFICARE la relazione tra servizi/anziani/famiglie, QUALIFICARE i processi assistenziali interni agli ospedali.
Alzheimer_locandina
La rete Regionale, però, non è mai partita, nonostante l’esistenza di un piano Nazionale per le Demenze che, tre le altre cose, prevede proprio che le regioni attivino le reti regionali.
Ad oggi quindi le famiglie, lasciate sole, continuano a lamentare carenza di servizi e assistenza, con forti disagi per i caregivers ed i loro cari.
In occasione della XXII Giornata Mondiale Alzheimer, l’Associazione Alzheimer Basilicata, aderendo alla campagna nazionale, organizzata dalla Federazione Alzheimer Italia, ha ancora una volta interrogato il Governo regionale riprendendo il dialogo con l’Assessora Franconi per l’attivazione di nuovi servizi.
Oltre allo sportello OpenDì”, nella settimana dal 21 al 26 settembre grazie all’intesa con l’Ordine dei Farmacisti, presso le farmacie della città di Potenza e della provincia, sarà distribuito gratuitamente il manuale Ti ricordi di me? Vivere con la malattia di Alzheimer” una giuda pratica rivolta alle famiglie per conoscere la malattia ed imparare a relazionarsi nel modo giusto con il malato nelle attività quotidiane, utilizzare strategie e soluzioni per affrontare i disturbi psicologico-comportamentali dei pazienti, conoscere riferimenti legislativi,  diritti e tutela giuridica.
Per non dimenticare chi dimentica, aiutare e sostenere chi, ogni giorno, vive nella solitudine.
La  Presidente
avv. Cristiana Coviello
cristiana_coviello
Per info
346 9566077
info@alzheimerbasilicata.it
www.alzheimerbasilicata.it
www.facebook.com/AlzheimerBasilicata