REGIONE BASILICATA | Per l’opposizione “assurdo rinviare il Consiglio sulle dichiarazioni sessiste di Leone”

368

Potenza, 23 maggio 2022 – “Sono incomprensibili e davvero risibili le motivazioni con le quali la maggioranza di centrodestra che sostiene il Presidente Bardi ha deciso di tenere il Consiglio regionale sulle dichiarazioni sessiste del consigliere Rocco Leone il 28 giugno 2022”.

E’ quanto dichiarano i gruppi di minoranza in Consiglio regionale Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Italia Viva  al termine della conferenza dei capigruppo che aveva il compito di individuare le date e di definire gli argomenti dei prossimi Consigli regionali.


“La nostra proposta, sottolineano i gruppi di minoranza, era quella di tenere il Consiglio regionale sulle frasi sessiste del Consigliere Rocco Leone già il prossimo 31 maggio p.v. tenuto conto l’impegno preso a seguito dell’incontro tenuto con la Commissione Per le Pari Opportunità che aveva deciso, sull’argomento, di mantenere un presidio fisso in Consiglio regionale.
Le motivazioni addotte dai partiti di centrodestra lucano per rimandare al 28 giugno 2022 il Consiglio regionale sulle frasi inqualificabili del Consigliere Rocco Leone che hanno fatto il giro d’Italia sono che l’esito di tale Consiglio potrebbe influire sull’esito delle prossime elezioni amministrative: tesi bislacca che, se fosse condivisa, significherebbe che sarebbe inutile fare qualsiasi altro Consiglio regionale perché potrebbe influire sulle prossime elezioni amministrative. Tesi altresì assurda perché per evitare di discutere di argomenti che evidentemente metteranno in imbarazzo il Presidente Bardi si preferisce evitare di discuterne sperando che il tempo possa far diminuire l’indignazione del popolo lucano.
Dal canto nostro, concludono i gruppi di minoranza in Consiglio regionale, non lasceremo che i partiti che sostengono il Presidente Bardi, la passino liscia e chiediamo al Presidente Bardi di fare in modo che il Consiglio regionale discuta subito di quanto accaduto”.

“Chiediamo al Presidente Bardi di farsi carico nel ridare senso ad un Consiglio regionale evidentemente macchiato nella sua onorabilità dalle offensive frasi usate contro l’Assessore donna, Merra dal Consigliere regionale Rocco Leone”, concludono.