Lettera aperta di Stefano Mele ai candidati del futuro Consiglio regionale della Basilicata

127

Cari candidati mi rivolgo a tutti voi, spesso sono SEMPRE le solite persone a lottare per superare tanti ostacoli. Sono Stefano Mele, ho 23 anni, vivo a Calvello e sono una persona con disabilità. Mi muovo con la sedia rotelle perché sono affetto dalla distrofia muscolare di Duchenne. Da anni, come attivista, sono impegnato per rimuovere le barriere architettoniche in quanto tutti noi abbiamo diritto di vivere, di divertirci, di vedere uno spettacolo in luoghi sempre accessibili. Per tutti. Di andare al mare, in lidi accessibili per noi persone con disabilità motoria, sulle nostre bellissime spiagge lucane, senza doverci trasferire nelle regioni limitrofe che si sono dotate di questo tipo di strutture.

In questo periodo sto vivendo un periodo difficile. La fisioterapista che mi segue dal 2006 e con la quale ho instaurato un rapporto di fiducia e di grande empatia, ha avuto una comunicazione di licenziamento da parte dell’azienda AIAS di Potenza insieme ad altri suoi colleghi. Mi sento preoccupato e dispiaciuto per quanto sta accadendo perché se effettivamente verrà licenziata ritengo che anche il suo servizio domiciliare si dovrà interrompere ed io, insieme ad altre persone, che fine faremo? 

Spero che tutti voi candidati, nei vostri programmi per governare la futura Basilicata, non possiate mai dimenticare le fasce deboli della società.

Un abbraccio da Stefano Mele.

Se volete pubblicare le vostre lettere, i vostri messaggi, le vostre richieste ai candidati alle prossime elezioni Regionali, scriveteci all’indirizzo info@ufficiostampabasilicata.it specificando nome e cognome. Le pubblicheremo online e sul nostro settimanale cartaceo (SFOGLIA)