Sabato 4 aprile 2020 – Si è svolta questa mattina una conferenza stampa in streaming di Marcello Pittella e Roberto Cifarelli (Pd), Luca Braia e Mario Polese (Italia Viva), Carlo Trerotola (Prospettive Lucane) nel corso della quale è emerso un atteggiamento responsabile della minoranza in consiglio regionale che “vuole dare il proprio contributo d’idee consapevole della gravità della situazione che si sta vivendo”.

Contributo sì, ma – è stato ribadito – con i distinguo su scelte del Governo Bardi, molte delle quali non condivisibili.
Al Governatore contestano, fra l’altro, la poca umiltà ad ascoltare e a recepire le proposte che vengono fatte da una minoranza che certamente non vuole caldeggiare il “tutti a casa” che da più parti viene chiesto.
“Non chiederemo mai le dimissioni dell’attuale Governo regionale perchè sarebbe da irresponsabili. In questo momento – hanno ribadito Pittella, Cifarelli, Graia, Polese e Trerotola – bisogna essere tutti uniti per gestire nel miglior modo possibile questa emergenza”.

Nel miglior modo possibile. “Certamente meglio di come è stata finora gestita”, hanno detto i consiglieri regionali del centrosinistra con Trerotola che, componente dell’Unità di Crisi, ha riconosciuto che qualcosa non ha funzionato. “Se ci sono state inadempienze – ha precisato – saranno verificate dalla Commissione d’inchiesta”.

“Certo – si è detto nel corso della videoconferenza stampa – ci troviamo in una situazione non prevedibile ma non si può non riconoscere che problemi ce ne siano stati”.
“Serve una cabina di regia”, ha sollecitato Cifarelli che ha anche affrontato i problemi d’ordine economico derivanti al Coronavirus. Problemi che attendono risposte urgenti. Come urgenti devono essere i provvedimenti a favore del settore agricolo che – ha detto Braia – è trainante per l’economia della regione”.

Il rappresentante di Italia Viva ha fatto anche riferimento alle frizioni che ci sono all’interno della maggioranza che governa la regione nella quale si registrano “distingui non concepibili. Si faccia chiarezza”.

L’altro renziano nel centrosinistra, Mario Polese, ha rivolto uno sguardo a Roma, accusando il Governo centrale di ritardi nella gestione dell’emergenza e, per quanto riguarda la Regione, ha denunciato le responsabilità che ha il Governo Bardi per i problemi sia sanitari che economici che attendono ancora delle risposte urgenti.

L’ex Presidente Marcello Pittella è stato tra i componenti del centrosinistra il più “duro”. “Nessun falso buonismo. – ha detto – Il Governo Bardi non è stato e non è all’altezza della situazione. Il modello organizzativo messo in piedi fa acqua da tutte le parti. Si registrano molti ritardi. Ci sono strutture sanitarie nelle quali non si è ancora provveduto a fare il tampone ai dipendenti e agli ospiti”. A proposito di tamponi, Pittella ha ancora una volta invitato Bardi a fare convenzioni con laboratori privati per accelerare i tempi e soprattutto poterne fare molti di più.

Fin qui quanto emerso dalla conferenza stampa di stamane dai consiglieri regionali del Centro Sinistra, le proposte dei quali sono state riunite in un documento che pubblichiamo qui di seguito.