Bolognetti: “Che ci crediate o no, questa è l’icona utilizzata dal sindaco di Tursi nelle comunicazioni inviate sulla chat Anci”

2501

Giovedì 8 aprile 2021 – “Che ci crediate o no, il sindaco di Tursi da un po’ di tempo accompagna le sue esternazioni – anche quelle inviate sulla chat Anci – con una gif recante la scritta “V’ Rupp U’ Muss”. Insomma, vi rompo la faccia. Vorrei poterne sorridere, ma la verità è che la cosa non fa affatto ridere”.

Lo afferma Maurizio Bolognetti, Segretario di Radicali Lucani.

Maurizio Bolognetti, Segretario di Radicali Lucani

“Non solo non è andata e non sta andando affatto bene – aggiunge Bolognetti – ma c’è da prendere atto che non siamo nemmeno migliori. Ripetutamente in questi mesi di stato di emergenza, accompagnato, ahimè, da un lockdown del pensiero e dalla gara a ritagliarsi un ruolo da uomo forte, con le sue uscite il signor sindaco di Tursi ha solleticato i peggiori istinti dell’animo umano. E adesso quella che, volendo minimizzare, potremmo definire una infelice uscita”.

“Quale messaggio avrà voluto trasferirci l’immaginifico sindaco di Tursi? Nel pugno chiuso con il quale si raffigura ci vedrei bene un manganello e un’ampolla di olio di ricino. Mi piacerebbe poter chiedere al Ministro Speranza se quelle di Cosma debbano essere considerate minacce. A chi vorrebbe rompere “il musso” l’aulico primo cittadino? Qualche giornale, nei giorni scorsi, ha titolato “torna l’Italia a colori”. La verità è che da sinistra a destra domina il nero. La verità è che è calata la notte e di notte occorre provare a tenere accesa una fiammella per illuminare il buio. Mala tempora!”, conclude il Segretario di Radicali Lucani.