Martedì 19 ottobre 2021 – Nella mattinata odierna è stato sottoscritto in Prefettura a Potenza il Protocollo d’intesa finalizzato alla istituzione della sezione territoriale provinciale di Potenza della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità, ai sensi e per le finalità di cui all’art. 8 della L.199/2016 recante “Disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero, dello sfruttamento lavorativo in agricoltura e di riallineamento retributivo nel settore agricolo”.

“Il documento – ha dichiarato il Prefetto Annunziato Vardè – potrà fornire un valido contributo alla prevenzione e al contrasto ai fenomeni del caporalato e del lavoro nero, nonchè a tutte le forme di irregolarità e sfruttamento lavorativo ancora presenti nel settore agricolo che è strategico per la regione Basilicata ma anche vulnerabile”.

Il Prefetto ha precisato che “l’istituzione della sezione territoriale provinciale della Rete mira a creare un tessuto di aziende agricole serie e professionali mediante la promozione di iniziative, anche di strumenti premianti, che possano favorire le imprese che garantiscono condizioni di lavoro dignitose, rispetto dei contratti di settore e delle norme di sicurezza sul lavoro”.

Particolare soddisfazione, per la stipula del Protocollo, è stata manifestata dal Direttore Regionale dell’INPS, Roberto Bafundi, che, accogliendo le istanze provenienti da enti e istituzioni coinvolti, nonché dalle Organizzazioni sindacali e dalle Associazioni datoriali del mondo agricolo, ha coordinato le attività per la stesura del documento “con il quale – ha evidenziato – si realizza una fondamentale sinergia fra i soggetti firmatari, a presidio della legalità nel territorio e a tutela dei lavoratori e delle aziende del mondo agricolo”.

L’intesa, inoltre, rappresenta una delle prime venti analoghe iniziative realizzate nelle province d’Italia.

“Supporto allo sviluppo della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità è assicurato dalla Regione Basilicata – ha sostenuto il Capo di Gabinetto, Michele Busciolano – che, nel solco delle iniziative promosse per il contrasto al caporalato e per l’accoglienza dei braccianti agricoli stranieri, favorirà l’incontro tra domanda e offerta di lavoro attraverso le specifiche attività che, nell’ambito della sezione territoriale, saranno svolte dall’Azienda Regionale Lavoro e Approfondimento Basilicata (ARLAB)”.

Apprezzamento per la realizzazione della importante intesa è stato espresso da tutti i partecipanti.

Il Protocollo è stato sottoscritto dal Prefetto di Potenza, Vardè, dal Direttore Provinciale dell’INPS, Vai, dal Capo di Gabinetto della Regione Basilicata, Busciolano, dal Direttore Regionale dell’INAIL, Angiolillo, dal rappresentante dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro, Romaniello, dal Presidente di Coldiretti, Pessolani, dal Direttore regionale C.I.A. Basilicata, Di Stefano, dal responsabile delegato di Confagricoltura, Rosa, nonché dai Segretari Generali delle Organizzazioni Sindacali di categoria FAI-CISL, Romano, FLAI-CGIL, Esposito, UILA-UIL, Nardiello e dal Presidente dell’Ente Bilaterale Agricolo Territoriale E.B.A.T. di Potenza, Lapadula.