domenica, Maggio 9, 2021
Home lavoro Protesta lavoratori Indotto Eni | Confindustria: errata rappresentazione della realtà

Protesta lavoratori Indotto Eni | Confindustria: errata rappresentazione della realtà

Giovedì 8 aprile 2021 – – “La nuova protesta dei lavoratori dell’indotto Eni e dei sindacati relativa alle procedure di cambio appalto Ram – Termomeccanica è fondata su un presupposto non veritiero, che assume per scontato il mancato rispetto del Patto di Sito. Una errata rappresentazione della realtà che denota, anche nella amplificazione mediatica che ne è stata data, la mancanza di una conoscenza adeguata dei fatti, fortemente lesiva della reputazione dell’impresa e di tutti i soggetti coinvolti”.

E’ quanto si afferma in una nota di Confindustria Basilicata, secondo la quale “i fatti accaduti in questi ultimi giorni, in aggiunta, hanno dato la stura ad accuse di mancato rispetto delle regole da parte di imprese che da anni hanno sempre onorato gli impegni previsti dal Protocollo, come è facile confermare attraverso tutti gli atti ufficiali, anche in presenza di condizioni non sempre favorevoli.
Le accuse ingiustificate e spesso strumentali che da troppo tempo si registrano su questo fronte – prosegue la nota – danneggiano gravemente non solo il nostro tessuto produttivo e la rappresentazione della nostra regione, ma anche gli stessi lavoratori. 

Per entrare nello specifico del cambio d’appalto Ram – Termomeccanica, va precisato preliminarmente che, come già puntualizzato dalla stessa impresa subentrata dal 2019 alla RAM Meccanica nell’appalto per le macchine rotanti, non c’è stata alcuna perdita di posti di lavoro.
Termomeccanica, in attuazione di quanto previsto dal Protocollo, ha sempre confermato la disponibilità ad assumere tutte le unità impegnate sulle attività, con il rispetto dei livelli di inquadramento professionale e retributivi previsti per tali lavoratori.

Nonostante questo, però, la procedura si è chiusa dopo un anno con la rinuncia dei sindacati alla trattativa per la strenua difesa di una indebita rivendicazione relativa  all’inserimento nella procedura di risorse impiegate su altri appalti che nulla hanno a che fare con la disciplina delle macchine rotanti in questione.

Ma gli sforzi di Termomeccanica sono andati oltre gli impegni previsti dal Patto. Seppure a procedura chiusa e quindi in regime di libero mercato, al di fuori quindi del Patto di Sito, l’azienda ha confermato l’impegno già manifestato all’assunzione delle 12 risorse rimanenti di RAM alle condizioni economiche previste. Di queste, però, solo 4 hanno accettato la proposta.

A marzo scorso, la Termomeccanica, pur non essendo tenuta a farlo, ha riconfermato nuovamente tale disponibilità ad assorbire le 8 risorse RAM alle medesime condizioni contrattuali delle 4 risorse assunte a fine 2020. Ma l’azienda non è stata contattata in nessun modo dalle unità interessate.

Un forte impegno che però – prosegue la nota di Confindustria – non è bastato alle organizzazioni sindacali che, invece di apprezzare l’opportunità offerta da TMP, hanno rilanciato con nuove rivendicazioni che, evidentemente, nulla hanno a che fare con la tutela e la salvaguardia dei posti di lavoro e che risultano poco rispettose di tutti coloro che in questo momento di grave crisi economico-sociale non hanno la possibilità di alcuna forma di sostentamento.

E’ fortemente mortificante oggi trovarsi nella condizione di dover difendere l’operato di un’impresa che si è contraddistinta per l’attenzione sociale alle ragioni del territorio da accuse false e ingiuste che non fanno il bene di alcuno.

Pertanto, – conclude la nota – auguriamo vivamente che al tavolo convocato per il prossimo 9 aprile dall’assessore regionale alle Attività produttive possano emergere e prevalere ragionevolezza e responsabilità”.

Foto di copertina: operati indotto Eni in presidio davanti sede Regione

- Advertisment -

ULTIME NEWS