Venerdì 23 ottobre 2020 – Nel pomeriggio di oggi a fronte della convocazione giunta dall’assessorato regionale alle Attività Produttive per il 29 ottobre prossimo, che riguarda le vertenze in corso nelle aziende contrattiste di ENI e le elusioni del patto di sito, i lavoratori hanno deciso in assemblea di sospendere lo sciopero in atto a partire dalle 22.00 di questa sera.

Resta confermato lo stato di agitazione

“Da tempo le OO.SS. insieme ai Lavoratori – sostengono in una nota Fim, Fiom, Uilm – denunciano che la mancata applicazione del patto di sito sta creando forti criticità. Assistiamo alla sostituzione dei Lavoratori ed a commesse che riducono le attività determinando l’uso degli ammortizzatori sociali. Altresì si verificano migrazioni di attività senza il conseguente passaggio di tutti i Lavoratori coinvolti nelle stesse, un esempio evidente è l’ultimo cambio di appalto RAM – Termomeccanica, a nostro avviso tutt’altro che concluso.

Auspichiamo che nell’incontro del 29, per la cui convocazione ringraziamo l’Assessore Cupparo, si segnino dei reali avanzamenti che consentano – conclude la nota . la risoluzione delle vertenze in atto attraverso il pieno rispetto del patto di sito e anche attraverso il ripristino di attività al fine di consentire l’azzeramento degli ammortizzatori sociali e il mantenimento dei livelli occupazionali.
In assenza di risposte concrete verranno riconvocate le assemblee dei Lavoratori per definire il prosieguo delle vertenze.