Potenza invasa dai giovani di "Viva la Gente"

59

Cento ragazzi provenienti da ben 14 nazioni hanno animato le strade del centro storico di Potenza.
Sono i protagonisti di “Viva la Gente” e hanno sfilato nel tratto compreso tra Porta Salza e il Sacro Cuore, dove sono stati accolti dal Sindaco di Potenza, Mario Guarente, direttore Generale dell’Agenzia di Promozione Territoriale (Apt) della Basilicata, Mariano Schiavone, dall’arcivescovo di Potenza, Monsignor Salvatore Ligorio, dal vicario generale, don Vito Telesca.

“Viva la Gente” è un’associazione no-profit che porta in campo azioni e spettacoli mirati a corroborare nei giovani il senso di uguaglianza, pace e rispetto reciproco, oltre che verso se stessi e il luogo in cui si vive.
“Questa manifestazione – ha commentato Schiavone – porta all’attenzione dei cittadini il tema del rispetto e dell’accettazione dell’altro attraverso l’esperienza dell’accoglienza, consentendo uno scambio culturale e concorrendo, al contempo, alla valorizzazione del centro storico”.

L’evento, organizzato dall’Apt di concerto con la Diocesi potentina e il Comune del capoluogo, ha visto il coinvolgimento di istituti scolastici e varie associazioni in una serie di laboratori ed attività. Durante il periodo di permanenza in Basilicata, fino al 21 ottobre, previsti una tappa a Matera (per il 19 ottobre) e momenti significativi di condivisione della tradizione locale da parte dei giovani presso le famiglie che li ospitano.

A sottolineare l’importanza del ruolo dei giovani nella società, le parole di Monsignor Ligorio, a parere del quale “il coinvolgimento dei giovani, con la loro vitalità e la loro forza, non può che determinare una rivoluzione culturale a tutto vantaggio dell’intera società”.

Le note dell’inno “Viva la Gente” intonate per primo da don Vito Telesca, hanno poi trasformato per pochi istanti la sala del Sacro Cuore in una grande e unica famiglia multiculturale.
Ha concluso l’incontro il sindaco di Potenza:” Questa iniziativa – ha detto – ha reso possibile la realizzazione di un ponte speciale, in grado di collegare non semplicemente due singoli punti ma Potenza con tutto il mondo”.