Articolo di M. Ricciardi per Ivl24

LAURIA (PZ) – Papaleo è pronto a tornare a girare in Basilicata e proprio nella sua Lauria. L’annuncio è arrivato ieri sera nel servizio della TgR Basilicata a cura di Angelo Oliveto nel quale, l’attore lauriota, ha presentato il suo ambizioso e stimolante nuovo progetto: “Già nel primo lockdown di marzo ho coltivato l’idea di scrivere un film ambientato nella nostra Basilicata, e più precisamente nella mia Lauria. Ho cominciato a buttare giù qualche rigo e proprio due giorni fa ne ho terminato la stesura”, afferma Papaleo. 

I luoghi dell’infanzia, dell’adolescenza, quelli a volte noiosi dai quali scappare, ma anche quelli dove un giorno tornare. Luoghi che Rocco Papaleo oggi considera una risorsa come la sua Lauria dove sarà appunto ambientato proprio il suo prossimo film. A maggio è previsto il primo Ciak 

“Mi è venuta proprio voglia di tornare qui al mio paese, e di scrivere una storia sulla memoria. Non sarà un film autobiografico, ma una storia inventata con riferimenti però a legami e ricordi ben impressi nei miei ricordi”. 


Nel nuovo film di Papaleo ci sarà insomma tanta voglia di Basilicata, di origni e quindi di Lauria, il paese dove tutto è cominciato e dove rispetto al passato, ora ha più possibilità di trascorrere anche più tempo. 

“Ho perso mia madre a cui era molto legato più due anni e mezzo fa, e questa mancanza mi ha
riavvicinato al mio paese, con un legame che ha costituito poi in realtà un bacino molto grande per la mia ispirazione”, racconta commosso Papaleo.

“Qui penso in dialetto e scrivo in dialetto, e una delle cose che mi piace di più di poter stare qui è proprio questo: l’incontrare gente e amici, lasciarmi ispirare e poter parlare il cosiddetto “dialittu strittu”, conclude l’attore lauriota.