Domani, lunedì 23 maggio, a Potenza Marcia della Legalità contro le Mafie organizzata dall’Unicef

788

Domenica 22 maggio 2022 – In occasione del trentennale della Strage di Capaci e di Via D’Amelio, l’Unicef Basilicata, su invito della Presidente della Corte d’Appello di Potenza, e con la collaborazione delle massime Istituzioni presenti sul territorio e dell’Associazione Nazionale Magistrati – Sezione di Potenza, ha organizzato la Marcia della Legalità contro le Mafie invitando le studentesse e gli studenti delle Scuole in indirizzo a riflettere su quei tragici fatti al fine di non dimenticare il sacrificio di chi ha perso la vita per liberare l’Italia dal ricatto criminale.

“Le studentesse e gli studenti che, oggi,  siedono tra i banchi di scuola e dell’Università – ha dichiarato la Presidente dell’Unicef Basilicata, Angela Granata – non erano nati il 23 maggio del 1992, ma la partecipazione riscontrata negli anni e la profondità dei lavori realizzati dalle scuole, nonché la qualità dei percorsi di educazione alla Legalità, Cittadinanza e Costituzione, testimoniano quanto l’esempio di Giovanni Falcone, di Paolo Borsellino, degli uomini e delle donne delle scorte e di tutte le vittime della criminalità organizzata sia vivo e attuale per le giovani generazioni.”.

La Marcia, partendo da un luogo simbolico della Legalità, la Caserma Lucania S. Maria, arriverà a un altro luogo simbolico, il Tribunale via N. Sauro.
Sarà accompagnata da “Canti e Suoni” degli studenti del Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti ( C.P.I.A )di Potenza.

L’appuntamento è per le ore 8.30 nel Piazzale antistante Caserma “Lucania” a Santa Maria.
La marcia partirà dopo il saluto del Generale Raffaele Covetti, Comandante Legione Carabinieri Basilicata, e percorrerà Via Angilla Vecchia, Via Trieste, Viale dell’Unicef, Via Vaccaro, Via N. Sauro, dove avverrà l’incontro con il Sindaco Mario Guarente.

Alle ore 11 è previsto l’arrivo in  Tribunale, dove la Presidente della Corte d’Appello, Rosa Patrizia Sinisi, con i Magistrati di Potenza e le Autorità, accoglieranno gli Studenti e le Studentesse.