Confermato il Congresso Eucaristico nazionale a Matera con la presenza, il 25 settembre, del Papa

202

Giovedì 28 luglio 2022 – La Curia Arcivescovile di Matera-Irsina, a fronte di notizie circolate nei giorni scorsi e destituite di ogni fondamento, tiene a precisare che il programma del Congresso Eucaristico Nazionale in programma dal 22 al 25 settembre rimarrà sostanzialmente invariato, compresa la visita di Papa Francesco a conclusione del Congresso.

Fin dal momento dell’annuncio ufficiale della data delle elezioni politiche fissate al 25 settembre, l’Arcivescovo Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo – si precisa in una nota della Diocesi – ha preso contatti con la Presidenza della CEI e con gli organismi preposti della Santa Sede per valutare cosa questo comportasse ai fini della celebrazione del Congresso.

Rassicurati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero degli Interni il Comitato nazionale e quello diocesano hanno continuato a lavorare per la preparazione del Congresso.

Ieri si è tenuto un vertice presso la Prefettura di Matera convocato da S.E. Sante Copponi al quale hanno preso parte le istituzioni civili e militari.
Nel corso dell’incontro l’Arcivescovo Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, presente Don Antonio Di Leo, segretario del Congresso, la Prof.ssa Maria Pina Rizzi, componente del Comitato Nazionale, e il Dott. Claudio Grisanti, delegato della CEI, ha spiegato che il programma del Congresso Eucaristico Nazionale rimarrà sostanzialmente invariato, compresa la visita di Papa Francesco a conclusione del Congresso.

Consapevoli dei problemi legati allo svolgimento delle elezioni politiche e per agevolare l’operato delle Autorità incaricate di assicurare la sicurezza e l’ordine pubblico, il Comitato per il Congresso Eucaristico ha indicato alcune parziali modifiche al programma.

Il nuovo programma sarà reso pubblico non appena definito nei dettagli.

Alla soddisfazione per la conferma dello svolgimento del Congresso Eucaristico Nazionale e alla presenza del Papa a Matera si unisce il rammarico per il fatto che lo svolgimento delle elezioni potrebbe limitare la partecipazione dei fedeli.