Compie trent'anni il Circolo dei Lucani di Bologna

102

“Una serata meravigliosa che ha unito i Lucani di Bologna con i rappresentanti istituzionali della Regione Emilia Romagna, della città e della Basilicata che rappresento”.
Così si è espresso il Presidente del Consiglio regionale, Carmine Cicala (nella foto di copertina con i componenti il Circolo), durante la serata celebrativa dei trent’anni di attività del “Circolo dei lucani” di Bologna, svoltasi nel prestigioso teatro bolognese “Alessandro Guardassoni” del Collegio San Luigi in via Massimo D’Azeglio.

Nata nel 1989, l’Associazione ha saputo aggregare e arricchire non solo i lucani stessi residenti fuori regione, ma anche la comunità nella quale si è inserita e integrata.
“Il contributo dei nostri corregionali – ha affermato il Presidente del Consiglio regionale – è stato riconosciuto sia a livello comunale sia dalla Regione Emilia Romagna che hanno celebrato, in più occasioni, lo spirito lucano che si contraddistingue per umiltà, ingegno e perseveranza.
Un ulteriore incoraggiamento a perseguire l’impegno di tramandare le radici e i valori della nostra terra alle nuove generazioni che potranno così alimentare la realtà associativa con idee e rinnovato entusiasmo. 

La Commissione dei lucani nel Mondo – ha reso noto Cicala – sta programmando nuovi progetti per le associazioni lucane presenti in Italia e nel mondo per instaurare legami di collaborazione culturale, economica e turistica con la regione Basilicata”.

Durante la serata è stato ricordato Rocco Anthony Petrone, ingegnere di origini di Sasso di Castalda che partecipò all’allunaggio del quale quest’anno ricorre il cinquantesimo anniversario.
La scrittrice Maria Giulia Andretta ha celebrato l’evento dei Lucani a Bologna, presentando la sua pubblicazione “Stregati dalla luna. Il sogno del volo spaziale da Jules Verne all’Apollo 11”, frutto di ricerche e dati forniti dalla storia, dalla letteratura e dal cinema, fino a raccogliere testimonianze e storie al John F. Kennedy Space Center, sede delle Nasa di Cape Canaveral in Florida, omaggiando la figura decisiva di Petrone per la riuscita della missione.

“L’esempio del riscatto lucano con questa storia e di molti altri successi dei nostri corregionali – ha sottolineato il Presidente del Consiglio regionale – ci fa riflettere sul grande potenziale che la nostra cultura offre. Il volto negativo dell’emigrazione ci mostra l’altra faccia della medaglia, le vittorie che non solo ci rendono orgogliosi ma ci permettono di raccogliere insegnamenti e formulare nuove soluzioni per tutti i lucani, fuori regione e in Basilicata. Nasce da questo la volontà di creare nuovi progetti non solo culturali ma anche economici, imprenditoriali e turistici, che possano collegare la nostra terra con tutte le realtà associative fuori sede”.

Cicala ha ringraziato tutta l’associazione per la calorosa accoglienza, in particolar modo il Presidente del Circolo lucani di Bologna, Giuseppe Panzardi, e tutti i fondatori storici dell’associazione per l’impegno profuso.
“A voi tutti va la nostra riconoscenza per il compito prezioso e importante che vi siete dati nel coinvolgere e affiancare i giovani per proseguire e riformulare nuovi percorsi lucani in Emilia Romagna”.