Un’estate così…movimentata nessuno poteva immaginarla. Quanto si è verificato nelle ultime settimane in Basilicata è tutta adrenalina per coloro i quali pensavano invece di trascorrere qualche giorno di relax sotto l’ombrellone.
Ci riferiamo ovviamente al mondo della politica sconvolto dall’inchiesta sulla sanità che apre nuovi scenari in vista degli importanti appuntamenti quali le elezioni regionali del prossimo autunno. 


Un appuntamento che in casa Pd si sta vivendo con comprensibile preoccupazione per la posizione del Presidente della Giunta Regionale Marcello Pittella agli arresti domiciliari dal 6 luglio scorso perché coinvolto nell’inchiesta.
Un coinvolgimento che potrebbe escludere – anche se nulla è deciso – la sua ricandidatura sebbene l’assemblea del Pd, ancor prima che scoppiasse il  caso giudiziario, l’avesse comunque legittimato.

Proprio questa sua volontà di ripresentarsi – lo ricordiamo – è stato elemento determinante nella decisione del Gip di disporre nei suoi confronti gli arresti domiciliari, confermati dal Riesame.

Se qualcosa cambierà bisognerà attendere che si pronunci la Cassazione e, se tutto andrà bene, se ne parlerà a fine agosto.

Pittella attenderà il pronunciamento o deciderà di dimettersi? Saremmo per la prima ipotesi. 


Intanto dall’incontro di martedì scorso a Roma che il segretario nazionale del Pd Martina ha avuto con il segretario regionale lucano Mario Polese e parlamentari e esponenti del partito di Basilicata giunge un messaggio di solidarietà al Presidente Pittella.