Un vademecum della Regione per facilitare l’accesso alla Cassa Integrazione in deroga

Sarà disponibile dall’8 aprile prossimo, sul sito www.lavoro.basilicata.it – Servizi online – Cig in deroga

515

Venerdì, 27 marzo 2020 – Sarà il sistema informativo della Regione Basilicata, disponibile dall’8 aprile prossimo, sul sito www.lavoro.basilicata.it – Servizi online – Cig in deroga a facilitare gli adempimenti previsti per usufruire della Cig in deroga.
Lo comunica l’Assessore regionale alle Attività Produttive Francesco Cupparo riferendo che il Dipartimento ha predisposto un vademecum.

Si tratta – spiega Cupparo – di uno strumento molto semplice che risponde agli obiettivi di fornire tutte le informazioni necessarie e di snellire le procedure, che è stato studiato dagli uffici dipartimentali tenendo conto che ogni operazione dovrà essere svolta attraverso il sistema informativo della Regione e quindi da casa“.


Primo elemento: per poter accedere alla piattaforma che consente di fare la domanda è necessario avere le credenziali di accesso al sistema.
L’accreditamento a CO Basilicata (Comunicazioni Obbligatorie) garantisce la possibilità di accedere al sistema CIG in deroga.

Gli utenti sprovvisti delle credenziali di accesso al sistema CO Basilicata (Comunicazioni Obbligatorie) potranno richiederle a partire dalle ore 16:00 del 30 marzo prossimo, mediante la compilazione del FORM ONLINE all’indirizzo: http://basilco.rete.basilicata.it/CO/login.aspx

La nota dell’Ufficio Stampa della Regione precisa che i datori di lavoro potranno fare domanda direttamente o tramite i loro consulenti che chiaramente devono richiedere le credenziali di accesso qualora non ne fossero in possesso.

Per qualsiasi problema tecnico è possibile inoltrare una email al seguente indirizzo: co@regione.basilicata.it.

Il vademecum spiega chi può fare la domanda, precisa che I lavoratori beneficiari devono essere in forza alla data del 23 febbraio 2020, la durata della Cig (9 settimane a decorrere dal 23 febbraio 2020), richiama l’Accordo Sindacale e indica come fare la domanda.

L’Ufficio regionale competente procederà all’istruttoria in base all’ordine cronologico di arrivo e alla redazione del provvedimento amministrativo che sarà trasmesso all’INPS.
L’INPS provvederà all’erogazione delle prestazioni.