Negozi online, +25% in Basilicata in 5 anni, è record condiviso con la Campania

Ad oggi sono 184 le imprese che vendono al dettaglio sul web (erano 81 nel 2015). In calo invece il piccolo commercio tradizionale

251


Potenza, 19 maggio 2020 – Negli ultimi cinque anni la Basilicata si posiziona al top per i ritmi di crescita delle imprese che vendono sul web: erano 81 quelle registrate al 31 marzo 2015, e al 31 marzo 2020 sono invece 184. A puntare sul “negozio” online in Italia sono stati soprattutto gli imprenditori lucani e campani (+25,4% il trend di crescita in entrambe le regioni, contro il +14,5% medio annuo del Paese): un segno del cambiamento delle abitudini di consumo che, soprattutto in epoca di coronavirus, permette agli imprenditori che commerciano sulla “rete” di potere contare su una marcia in più e su canali distributivi che hanno risentito meno della crisi in atto. 

Nello stesso periodo preso in esame – 2015-2020 -, invece, l’insieme del settore del commercio al dettaglio in Basilicata ha perso 348 imprese (-4,1%), passando da 8.555 a 8.207 unità. L’incidenza del settore del commercio al dettaglio sul totale delle imprese registrate è passato dal 14,26% al 13,98% mentre l’incidenza delle imprese che vendono sul web rispetto all’intero settore del commercio al dettaglio, nel periodo considerato, è passato dallo 0,9% al 2,2%.  

Quanto alla forma giuridica, il 66% delle imprese che vendono sul web sono imprese individuali (contro il 74% dell’intero settore), il 27% sono società di capitale (contro il 14%), il 6% sono società di persone (contro l’11%) e il 2% si presentano sotto altre forme, il che evidenzia come le aziende che vendono sul web siano più strutturate rispetto a quelle dell’intero settore. Un buon segnale in vista del futuro.