Si chiama Vincenzo Telesca, potentino, 27 anni, ed è il general manager della Medea srl, start up innovativa che opera nel campo della telemedicina.

La start up nasce a marzo di quest’anno, dopo pochi mesi dal ritorno in Italia del giovane manager. Vincenzo, infatti, dopo la specializzazione a Padova in tecniche di eco-cardiografie, parte parte per la Gran Bretagna dove lavora prima a Belfast, presso il Royal Victoria Hospital, e poi a Londra nel Frimley Park Hospital. Qui riceve la proposta di un contratto a tempo indeterminato ma i sogni del giovane potentino sono altri: nel suo cassetto sono pronti da tempo gli appunti di un progetto che gli faranno rifiutare l’offerta e ritornare a Potenza. Nasce così la Medea srl.

medea

“Scopo di questa start up è quella, attraverso l’uso delle nuove tecnologie, di spostare le informazioni anziché le persone: portare quindi la medicina al paziente e non viceversa”, ha spiegato Vincenzo Telesca.

medea_2

Con l’ausilio di piattaforme e tecnologie che permettono di effettuare, da casa o da qualsiasi altro luogo, esami ed indagini strumentali (misurazione saturimetria, pressione arteriosa, spirometria, elettrocardiogrammi, holter, ecografie, misurazione glicemia, esame delle urine, esami dermatologici, etc), i pazienti non saranno più costretti a recarsi presso i centri sanitari con enormi vantaggi, quindi, in termini di tempi, costi ed efficacia diagnostica. “Le refertazioni vengono fatte da medici specialisti e consegnate ai pazienti, per via telematica, in 12/24 ore con l’assoluta tracciabilità dei dati e il massimo rispetto della privacy”, ha precisato Vincenzo Telesca.

Sentiamolo nella seguente intervista realizzata presso Godesk, il coworking potentino presso il quale Vincenzo ha ubicato la sede della sua azienda


[powr-image-slider id=cb574a05_1468737897092]