La startup Tboxchain fa il pieno di “nomination” in tre sezioni del Premio Marzotto

79

Potenza, 16 settembre 2019 – Nuovi riconoscimenti nazionali per la startup TboxChain, che propone un sistema di certificazione delle recensioni online strutturato su tecnologia blockchain e che recentemente si è aperta al ramo “servizi”, con una declinazione trasversale grazie al meccanismo combinato di autenticità basato su due prove chiave: presenza e identità.

Tboxchain il 18 settembre è stata selezionata in tre sezioni nell’ambito della nona edizione del Premio Gaetano Marzotto, uno dei più prestigiosi premi italiani dell’innovazione, che è alla ricerca di nuovi imprenditori e costruttori di futuro che siano in grado di far convivere innovazione, impresa e società. Si tratta del Premio Speciale EY (Ernst&Young), del Premio Speciale Amazon Web Services e del Premio Accenture.

«In linea con gli obiettivi del premio, vogliamo contribuire a creare una piattaforma dell’innovazione italiana e le condizioni ambientali per un cambio di paradigma, che nel nostro caso è basato sul concetto semplice e potente di fiducia – commentanoFausto Villani e Michele Cignarale, founder della startup –. Un percorso sempre più nell’ottica dell’open innovation, quello che stiamo intraprendendo, all’interno di una rete globale che ci chiede di sviluppare un prodotto/servizio capace di suscitare le attenzioni di molti mondi: dal turismo alla sanità, dai beni culturali alla sicurezza, passando per il food. Del resto, attraverso le prove di identità e presenza, e attraverso la distribuzione dei dati su blockchain, possiamo davvero assecondare le esigenze di tracciabilità e verificabilità in tutti i settori».

Per Tboxchain ci sarà la possibilità di guadagnare la finale assoluta del Premio Marzotto, fissata per il 21 novembre a Roma.