La Politica Agricola Comunitaria all’esame della Cia-Agricoltori Basilicata

244

Martedì 31 gennaio 2023 – “Insieme verso la riforma: La nuova Pac 2023-2027” è il tema dell’incontro promosso a Grassano da Cia-Agricoltori Basilicata, patrocinato dall’Amministrazione Comunale, per spiegare la nuova e complessa Politica Agricola Comunitaria.
Gli incontri (in programma una cinquantina) – si afferma in una nota – stanno dando a tutti gli agricoltori, soci e non, la possibilità di avere chiarimenti e risposte circa i premi potenziali che gli stessi potrebbero ricevere nel 2023.
A Grassano i dirigenti Cia e del Centro Assistenza Agricola, oltre alla esposizione degli aiuti diretti e tutte le novità che sono rilevanti, hanno approfondito le misure del Psr Regione Basilicata che ha una dotazione complessiva di 452 milioni per misure che riguardano tra l’altro il comparto agroclimatico ambientale e vari investimenti.
Attenzione particolare su olivicoltura e Ocm Olio con tutte le disposizioni che prevede, grazie alla presenza del Presidente Oprol Paolo Colonna.

L’interpretazione e l’applicazione della nuova Pac – precisano i responsabili della Cia Basilicata – sono un esercizio non facile, per le diverse opzioni possibili, i vincoli e poi le compatibilità possibili, per questo Cia oltre agli incontri definiti con un sistema di contatto diretto tale da poter soddisfare le diverse  esigenze degli agricoltori ha realizzato una guida scaricabile cliccando qui.

Cia, con il suo CAA – è stato detto a Grassano – vuole essere in prima linea nella consulenza e nell’assistenza alle imprese agricole. La guida sulla nuova Pac è solo l’ultimo tassello di un servizio sempre più qualificato che la Cia vuole fornire per dare risposte e sostegno agli agricoltori italiani per operare le migliori scelte sul campo. I dirigenti della Cia hanno ribadito la necessità della chiusura del precedente Psr 2014-2022 con la liquidazione rapida di tutti i pagamenti e come richiesto da Agrinsieme Basilicata hanno risollecitato la nomina del nuovo Assessore alle Politiche Agricole.

“L’agricoltura -ha sottolineato il coordinatore di Potenza e Matera Donato Distefano– non è certo marginale per l’economia regionale. Anzi ha dimostrato di reggere meglio di altri settori e per questo non è più tollerabile privare il Dipartimento di una guida politico-istituzionale da oltre due mesi. E con i conti alle stelle per le bollette energetiche, con i problemi di manodopera di difficile reperibilità ci avviamo ad un nuovo anno complesso. La nostra priorità: evitare la chiusura di aziende agricole alle prese con spese non più sostenibili per concimi, carburanti, prodotti essenziali”.