Da Bankitalia notizie non rassicuranti sull’economia lucana

149

Venerdì 11 novembre 2022 –  E’ “in affanno” l’economia lucana nei primi nove mesi del 2022, durante i quali si è assistito ad un recupero lento, in un quadro di profonda incertezza, sul quale hanno inciso l’aumento dell’inflazione e i costi di produzione: è questo il quadro che emerge dal Rapporto annuale della Banca d’Italia sull’andamento della economia della Basilicata, presentato, a Potenza, dal direttore delle filiale di Potenza della Banca d’Italia, Gennaro Sansone, dal suo vice Paolo Lucchese, dal responsabile dell’ufficio analisi e ricerca economica della sede di Bari, Maurizio Lozzi, e dal coordinatore del rapporto, Vincenzo Mariani.

l rallentamento che si è registrato soprattutto nella seconda parte dell’anno – hanno spiegato gli analisti – ha riguardato tutti i settori produttivi, fatta eccezione per l’industria estrattiva, e in particolare il settore di produzione delle auto è in difficoltà e questo ricade negativamente sull’export.

Il settore terziario, commercio in particolare, è stato fluttuante tra una prima parte dell’anno in crescita e una seconda in perdita per il trend dei consumi.
Segnali incoraggianti, invece, dal settore turistico, specie nei mesi primaverili e per quello che riguarda il settore delle costruzioni, mentre per quello che riguarda i finanziamenti bancari ai privati si registra una crescita minima che riflette l’accelerazione del credito al conmsumo e ai mutui per le famiglie e il rallentamento di quello alle imprese.