Questa mattina, presso la sala Verrastro, Sviluppo Basilicata e Banca Popolare di Bari, rappresentate rispettivamente dall’amministratore unico di Sviluppo Basilicata, Giampiero Maruggi, e dall’ing. Nicola Di Cosola, in qualità di responsabile della Divisione Privati della Banca Popolare di Bari, hanno firmato la convenzione per consentire l’erogazione di 10 milioni di nuovi finanziamenti per le piccole e medie imprese della Regione Basilicata. La stipula è avvenuta presso la Regione Basilicata alla presenza del governatore Marcello Pittella, dell’assessore regionale alle Politiche di Sviluppo, Raffaele Liberali, del dirigente generale Giandomenico Marchese, e dell’Autorità di Gestione del Po Fesr, Antonio Bernardo.

Tranched cover_conferenza_stampa_basilicata

L’iniziativa, che permetterà alla Banca Popolare di Bari di erogare nuovi finanziamenti alle imprese lucane, prevede l’utilizzo della segmentazione di un portafoglio di finanziamenti alle Pmi (c.d. Tranched Cover).

Attraverso lo strumento del Tranched cover, le imprese lucane potranno fruire di finanziamenti a medio e lungo termine che verranno erogati dalla Banca Popolare di Bari, per sostenere nuovi investimenti o il capitale circolante a tassi migliorativi rispetto agli andamenti di mercato.

Marcello Pittella
Marcello Pittella

“Il sistema delle piccole e medie imprese rappresenta la spina dorsale dell’economia del nostro Paese – ha dichiarato il presidente PittellaCon questa iniziativa diamo una spinta in più al mondo imprenditoriale per riagganciare la ripresa e rimettere in moto lo sviluppo, dopo la crisi economica che ha messo in ginocchio numerose realtà soprattutto nel Sud Italia e in Basilicata. In particolare, con questa convenzione – ha aggiunto il Governatore – le imprese potranno tornare a effettuare investimenti per affrontare le sfide del mercato globale, avendo a disposizione un efficace e innovativo strumento di ingegneria finanziaria che le sosterrà con migliori condizioni di mercato, favorendo l’accesso al credito, vero tallone di Achille delle Pmi”.

Sui finanziamenti erogati dalla Banca Popolare di Bari, Sviluppo Basilicata, utilizzando le risorse del Fondo di Garanzia Po Fesr Basilicata 2007-2013, potrà coprire il rischio creditizio intervenendo a garanzia delle prime perdite di portafoglio (tranche junior) fino a un massimo del 20 per cento dell’intero portafoglio (2 milioni di euro). La garanzia coprirà l’80 per cento dell’eventuale default di ciascun finanziamento. Pertanto su un portafoglio complessivo di 10 milioni di euro, il collaterale in denaro (cash collateral) messo a disposizione come garanzia delle prime perdite da Sviluppo Basilicata sarà pari a 1.600.000 euro.

“Sostenere l’offerta di credito a favore delle imprese lucane è una priorità per la Regione Basilicata, soprattutto in considerazione del perdurare del cosiddetto credit crunch, ovverosia la riduzione di finanziamenti da parte delle banche, fenomeno che sta colpendo duramente le nostre aziende”. E’ quanto a dichiarato l’a.u. di Sviluppo Basilicata, Giampiero Maruggi, che ha aggiunto: “In questa direzione va la decisione di affidare a Sviluppo Basilicata la gestione di questo ulteriore strumento di ingegneria finanziaria in grado da solo di aggiungere una potenziale disponibilità di mezzi pari a 10 milioni di euro. Un particolare apprezzamento sento di dover rivolgere alla Banca Popolare di Bari, unico intermediario che ha ritenuto di aderire a questo interessante nuovo strumento. È auspicabile che – ha aggiunto Maruggi – in un prossimo futuro, altre banche possano aggiungersi per rendere ancora più efficace questa nuova ed evoluta modalità operativa”.

Giampiero Maruggi
Giampiero Maruggi

“Fondamentale in questa fase iniziale dell’iniziativa sarà il ruolo della comunicazione per far si che tutte le imprese del territorio regionale vengano a conoscenza della grande opportunità che la Regione Basilicata, Sviluppo Basilicata e Banca Popolare di Bare offre loro”, ha concluso Giampiero Maruggi.

A tal proposito, gli imprenditori interessati ad avere maggiori informazioni sul Tranched cover, possono contattare Sviluppo Basilicata attraverso i tradizionali canali di comunicazione o chiedendo informazioni via mail all’indirizzo info@sviluppobasilicata.it

In base all’accordo sottoscritto, i finanziamenti da erogare alle imprese potranno essere di nuova concessione, con una durata massima di 8 anni ed un importo minimo di 50.000 euro e massimo di 500.000 euro e saranno prioritariamente relativi a:

  • prestiti finalizzati agli investimenti in innovazione;
  • prestiti per la realizzazione di investimenti iniziali;
  • prestiti finalizzati all’attivo circolante;
  • prestiti finalizzati all’effettuazione e /o al sostegno di processi di capitalizzazione aziendale;
  • prestiti finalizzati al riequilibrio finanziario relativo all’estinzione delle linee di credito a breve e medio termine e all’adozione di un piano di rientro dell’indebitamento.

L’attivazione di tale nuovo strumento di ingegneria finanziaria fortemente voluto dalla Regione Basilicata e già positivamente attuato in altre regioni, rappresenta una misura di fondamentale importanza per tutte le aziende del territorio che, rendendo più agevole l’accesso al credito, consentirà di attivare condizioni ideali per supportare il percorso di rilancio e sviluppo delle Pmi lucane e migliorare la propria struttura finanziaria.

Sui finanziamenti erogati dalla Banca Popolare di Bari, Sviluppo Basilicata, utilizzando le risorse del Fondo di Garanzia Po Fesr Basilicata 2007-2013, potrà coprire il rischio creditizio intervenendo a garanzia delle prime perdite di portafoglio (tranche junior) fino a un massimo del 20% dell’intero portafoglio (2 milioni di euro). La garanzia coprirà l’80% dell’eventuale default di ciascun finanziamento. Pertanto su un portafoglio complessivo di 10 milioni di euro, il collaterale in denaro (cash collaterale) messo a disposizione come garanzia delle prime perdite da Sviluppo Basilicata sarà pari a 1.600.000 euro.

I vantaggi:

  • effetto volume (accesso al credito)
  • effetto di prezzo  (tassi di interesse più bassi del 40%)
  • effetto moltiplicatore

Sono escluse dal Tranched Cover le imprese operanti nel settore del commercio.

Ad oggi, sulle misure lanciate in Puglia e Campania Banca Popolare di Bari ha originato finanziamenti per un ammontare di circa 95 milioni di euro.

“E’ un risultato importante che ci pone come realtà di riferimento nelle operazioni di Tranched Cover, in questo caso specifico con la Regione Basilicata”, ha dichiarato Gianluca Jacobini, condirettore generale della Banca Popolare di Bari. “Questa nuova aggiudicazione, che si aggiunge a quelle già ottenute tra il 2014 e il 2015 in Puglia e in Campania, conferma la vocazione della Banca Popolare di Bari a voler sostenere le imprese locali anche mediante l’utilizzo di strumenti finanziari evoluti. Con tali strumenti – ha concluso Jacobini – confermiamo l’impegno nel supportare le Pmi del territorio nel loro percorso di crescita, rafforzando anche il nostro posizionamento di Banca di riferimento della Regione”.

Per maggiori informazioni è possibile visitate il sito di Sviluppo Basilicata al link:
http://www.sviluppobasilicata.it/…/Fondi-Ape…/Tranched-Cover