Verso le ore 7.10, sulla strada statale 655 tra il Km 34 e 36 direzione Melfi – dopo aver svincolato a Candela dall’autostrada A 16 Napoli/Bari – un portavalori della Securpool è stato preso d’assalto da un commando.

I rapinatori, tutti incappucciati, dopo aver collocato sulla strada una banda chiodata per fermare gli automobilisti in transito, hanno raggiunto il furgone blindato con due auto di cui una si è collocata dietro il furgone e l’altra lo ha affiancato sul lato sinistro per poi esplodere numerosi colpi di Kalashnikov.

Contemporaneamente dalla corsia opposta un altro complice ha diretto un autoarticolato contro il furgone per impedirne il proseguimento della corsa.

La freddezza del personale dell’istituto di vigilanza e, soprattutto, l’immediato intervento degli agenti della Polizia Stradale della sottosezione di Melfi, immediatamente raggiunti anche da personale del Commissariato di Melfi, hanno evitato che i malviventi portassero a compimento la loro azione delittuosa.

Gli agenti della Polizia di Stato, che in quel momento si trovavano in servizio sul limite di provincia, sono prontamente intervenuti costringendo i malviventi alla fuga che hanno abbandonato, dopo aver dato fuoco, ben cinque vetture, di cui una ritrovata in Contrada Leonessa nei pressi dell’incrocio dello svincolo di Melfi sulla strada Ofantina e l’autoarticolato.

I veicoli abbandonati sono poi risultati rubati mentre il furgone della Securpool, attinto da una decina di colpi sul lato sinistro ed altri sulla parte frontale, è stato fermato nei pressi di una adiacente area di servizio mentre erano in corso i rilievi da parte della Polizia Scientifica di Foggia e del Commissariato di Melfi (PZ) che sta indagando in merito.