Lunedì 11 maggio 2020Gabriele Summa, titolare dell’Antica Caffetteria, in piazza Mario Pagano (centro storico, per intenderci a pochi metri dal Palazzo di Città) ha buoni motivi per essere non solo irritato ma anche deluso.
L’atto di vandalismo ai danni del suo locale (ignoti hanno divelto i tavolini che erano davanti al bar) lo ha ferito profondamente.
“Non è possibile – ci confida – che in un momento così difficile, mentre i commercianti, gli operatori turistici cercano di riavviare la propria attività ci debba essere chi in maniera irresponsabile, vergognosamente, crei danni”.
Summa, come tutti noi, si augura che i responsabili vengano individuati, grazie anche alle immagini delle telecamere della zona. E ci auguriamo che sia data loro la lezione che meritano. Ma l’amaro in bocca rimane.

Gabriele Somma si sfoga. Non accetta che questo possa avvenire in una delle piazze principali del centro storico e, per di più, a pochi metri dal Municipio.
Non accetta che sia avvenuto intorno alle 23, non in piena notte.
Summa si chiede, tra l’altro, cosa poteva accadere se quegli sconsiderati, buttando dal belvedere vicino alla statua di San Gerardo il pensante vetro di uno dei tavolini, avessero colpito qualcuno che passava di sotto.
Un titolare di un locale pubblico, tra l’altro molto accorsato, che riprende l’attività, preso di mira da vandali, non può non porsi – e noi con lui – anche il problema di un maggior controllo da parte delle forze dell’ordine nella città.
Encomiabile il lavoro che polizia, carabinieri e Polizia Locale svolgono ma, alla luce di quanto accaduto e nel timore che qualche sconsiderato possa emulare i vandali, i controlli dovrebbero essere intensificati.
Il problema si è posto più volte nel passato e – non vorremmo sbagliare – è stato anche oggetto di valutazione da parte del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.

In una nota pubblicata su Facebook, il Gruppo consiliare della Lega, “nell’esprimere solidarietà agli esercenti costretti a fronteggiare anche le bravate e gli atti di vandalismo conseguenti, chiede al Corpo di Polizia Locale di profondere il massimo sforzo per individuare i responsabili di tali azioni sconsiderate. A tale riguardo confida nella consueta, puntuale e rigorosa risposta della Polizia Locale del capoluogo, rammentando che la stessa, nell’espletamento dell’attività d’indagine, potrà avvalersi dell’ausilio degli strumenti di videosorveglianza già attivi”.


Nell’esprimere anche noi piena solidarietà a Gabriele Summa, vogliamo augurarci che questo sgradevole episodio rimanga circoscritto. In questo momento abbiamo ben altri problemi da affrontare e risolvere.