Giovedì 6 gennaio 2022 – Nel primo pomeriggio del 04.01.2022, nell’ambito dei servizi straordinari di controllo del territorio predisposti dal Questore di Potenza, personale della Squadra Mobile ha tratto in arresto in flagranza di reato un giovane pregiudicato residente nel capoluogo L. L., 31 anni, poiché trovato in possesso di un fucile automatico calibro 12, a “canne mozze”, con matricola abrasa ed evidentemente alterato al fine di aumentarne la potenza di fuoco, nonché dodici cartucce calibro 12 integre, una pistola scacciacani/lancia razzi, calibro 22, priva del tappo rosso.

L’indagine ha avuto origine a seguito di preordinati servizi di osservazione, pedinamento e controllo, predisposti nei confronti di alcuni pregiudicati di Potenza, nel corso dei quali personale operante della Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile, ha proceduto al controllo dell’uomo che era solito accompagnarsi ad altri pregiudicati locali.

Nel corso dell’attività di perquisizione d’urgenza eseguita ai sensi dell’ art. 4 L.152/75, sono state rivenute all’interno dell’autovettura – ben occultate nel bagagliaio del veicolo – nr. 4 cartucce, calibro 12, inesplose (tre a pallini e una a pallettoni), circostanza per cui la perquisizione è stata immediatamente estesa anche all’interno dell’abitazione dell’indagato, ubicata in questa Contrada Bucaletto, dove è stato rinvenuto e sequestrato il fucile automatico calibro 12 a “canne mozze”,avente matricola abrasa e che recava evidenti segni di alterazione al fine di aumentarne la capacità di fuoco.

Sempre all’interno dell’abitazione sono state rinvenute ulteriori otto cartucce calibro 12 e una pistola scacciacani/lancia razzi, calibro 22, priva del tappo rosso, nonchè un bilancino di precisione, che alla luce di quanto emerso in atti era verosimilmente utilizzato per il consumo di sostanze stupefacenti del tipo cocaina.

Pertanto l’arrestato – dopo essere stato accompagnato presso gli uffici della Squadra Mobile di Potenza per gli adempimenti di rito – su disposizione del PM di Turno della Procura della Repubblica di Potenza, dott. Emiliana Busto, è stato sottoposto alla misura precautelare della custodia in carcere, in attesa del giudizio di convalida.