Estesa anche in Basilicata l’operazione “Madre Terra” dei Carabinieri su estorsione ed altri reati

382

Venerdì 4 novembre 2022 – I Carabinieri del Comando Provinciale di Barletta-Andria-Trani supportati da personale del Comando Provinciale Carabinieri di Foggia, Bari, Potenza e Salerno, del 6° Nucleo Elicotteri, dallo Squadrone Eliportato Cacciatori CC Puglia e dal Nucleo cinofili CC di Modugno, hanno dato esecuzione nella giornata di ieri nelle province di Barletta-Andria-Trani, Potenza, Bari e Salernoall’ordinanza di custodia cautelare nella quale vengono riconosciuti gravi indizi di colpevolezza nel procedimento a carico di 17soggetti indagati per più episodi di estorsione (anche con c.d. cavallo di ritorno), danneggiamento (anche tramite incendio), furto aggravato, incendio doloso, ricettazione, illecita concorrenza, induzione indebita a dare o promettere utilità, uccisione di animali e detenzione illecita di arma da fuoco, occorsi nell’ambito della Provincia e riferibili alla c.d. criminalità rurale.

Le indagini condotte dalla Stazione Carabinieri di Minervino Murge e della Compagnia Carabinieri di Andria, sotto la direzione della Procura della Repubblicahanno avuto inizio nel 2020 a seguito di alcune denunce per danneggiamento di culture agricole ricevute dai Carabinieri, cui le vittime si erano rivolte in ragione del consolidato rapporto di fiducia esistente tra l’Arma e la comunità locale.

Secondo l’impostazione accusatoria accolta dal Gip (fatta salva la valutazione nelle successive fasi processuali condotta anche alla luce del contributo della difesa) nell’area del territorio murgiano e pre murgiano ricadente nei comuni di Andria e Minervino Murge sono attivi due gruppi criminali – tra loro indipendenti e con propaggini estese a Montemilone e Poggiorsiniche attraverso l’impiego di metodi violenti tali da indurre un diffuso stato di assoggettamentonellacollettivitàeconsistentinelcompimentodiestorsioni,danneggiamentiefurti inpregiudiziodiimprenditoriagricoliovverodiproprietariditerreni si contendevano la primazia nel controllo del territorio, cercando di imporre servizi di guardiania abusiva a titolo di protezione.

Alcuni degli indagati – inoltre – con l’utilizzo della violenza consistita in danneggiamenti a seguito di incendio, minacce di ripercussioni fisiche nonché furto e danneggiamento di cultureriuscivano ad imporre i prezzi dei prodotti ortofrutticoli in alcuni esercizi commerciali di Minervino Murge, portando la concorrenza a chiudere ovvero a rinunciare al proposito di rilevare attività commerciali (c.d. estorsione ambientale). In particolare, con l’intento di far desistere un imprenditore locale dalla volontà di rilevare una rivendita di ortofrutta in quel centro, veniva incendiato un prefabbricato di sua proprietà -adibito a deposito di attrezzi agricoli-che andava completamente distrutto; la vittima in stato di assoggettamento psicologico a seguito dell’atto intimidatoriorinunciava al proposito di acquistare l’attività commerciale.

Tra gli arrestati, figurano anche due guardie particolari giurate in servizio presso il locale consorzio di guardie campestri che risultano indagate anche per alcuni episodi di induzione indebita a dare o promettere utilità. In particolare nell’ambito dello svolgimento delle loro funzioni, durante l’espletamento del servizio di controllo e prevenzione di reati predatori sorprendevano individui nell’atto di perpetrare furti nei terreni agricoli sui quali erano competenti a vigilare e dietro minaccia di far intervenire le FF.PP. si facevano consegnare somme di denaro, assicurandone così l’impunità.

Furti, danneggiamenti e incendi, venivano perpetrati non solo quali atti intimidatori, ma anche per la realizzazione del c.d. cavallo di ritorno; gli indagati dopo aver asportato mezzi agricoli con la minaccia implicita della mancata restituzione del bene, costringevano la vittima a consegnare somme di denaro per tornare in possesso dei veicoli.

Tra i numerosi episodi ricostruiti nel corso delle indagini, ne è emerso uno che si ritiene particolarmente significativo, nello specifico uno degli indagati nella circostanza in compagnia di altro individuo a doperando illecitamente un fucile da caccia, sparava a due cani randagi che si aggiravano nei pressi dei terreni di sua proprietà; l’atto di violenza provocava il grave ferimento di uno degli animali e la morte dell’altro. In seguito, militari del Comando Stazione di Minervino Murge -con l’ausilio delle guardie zoofile- rinvenivano la carcassa del cane con ferite da arma da fuoco ed accertavano che l’animale era dotato di microchip intestato al comune di Minervino Murge.

Il risultato conseguito costituisce l’esito dell’azione di contrasto ai fenomeni criminali predatori nella provincia BAT ed ha consentito di fare luce su 11 episodi di danneggiamento (di colture), 10 di furto (di colture e mezzi agricoli) e 6 estorsioni (anche con il metodo del cavallo di ritorno).

Secondo una stima operata dalla p.g. procedentel’ammontare complessivo dei danni provocati ed il valore dei mezzi e delle attrezzature rubate danni ed i furti perpetrati, utili al successivo cavallo di ritorno, piuttosto che finalizzati ad imporre il proprio volere assoggettando le vittime, si aggirano su un valore complessivo di 425mila euro.

È importante sottolineare che il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e che, all’esecuzione della misura cautelare odierna, seguirà l’interrogatorio di garanzia e il confronto con la difesa degli indagati, la cui eventuale colpevolezza, in ordine ai reati contestati, dovrà essere accertata in sede di processo nel contraddittorio tra le parti.

10 degli arrestati sono stati condotti nellaCasa Circondariale di Trani e 7 posti agli arresti domiciliari presso le loro abitazioni, a disposizione del GIP.

I nomi degli arrestati

Destinatari di o.c.c. in carcere:

  1. SCARINGELLARiccardo nato ad Andria il 03.08.1972;
  2. ASSELITIEmanuelenato ad Andria il 12.11.1974;
  3. ZAGARIAVito nato ad Andria il 25.11.1983;
  4. ZAGARIAAlessandro nato ad Andria il 24.06.1985;
  5. LEONEDonato Marianonato a Canosa di Puglia il 05.08.1960;
  6. CANNONENicolanato ad Andria il 28.02.1976;
  7. SACCINTO Salvatore nato a Canosa di Puglia il 17.03.1957;
  8. DI CILLO Domeniconato a Canosa di Puglia il 14.02.1984;
  9. ASSELITI Eligio nato ad Andria il 05.04.1958;
  10. RENNAPasqualenato a Minervino Murge il 15.04.1956.

Destinatari di o.c.c. agli arresti domiciliari:

  1. POLICASTRO Vincenza nata a Canosa di Puglia il 31.07.1990;
  2. RECCHIA Nicola nato ad Andria il 22.04.1991;
  3. SCIASCIA Giuseppe nato a Canosa di Puglia il 21.12.1957;
  4. ZEZZA Donato nato a Montemilone il 08.09.1962;
  5. GENUARIO Vito nato a Poggiorsini il 24.08.1964;
  6. SPOLZINO Mario nato a Sala Consilina il 15.08.1958;
  7. DEDATO Aldo nato a Canosa di Puglia il 30.08.1975.