Ennesimo incidente mortale sul lavoro | Summa (Cgil): “Continua la strage senza che il governo regionale assuma atti concreti”

449

Venerdì 16 settembre 2022 – “Siamo di fronte all’ennesimo incidente mortale. Non è più tollerabile assistere a questo susseguirsi di omicidi colposi a causa dell’assenza di misure di sicurezza e della loro applicazione”.

Lo afferma il segretario generale della Cgil Basilicata, Angelo Summa (foto di copertina), a seguito dell’incidente nel quale ha perso la vita l’operaio rimasto gravemente ustionato all’Egea Mediterranea di Lavello.

Sono mesi – aggiunge Summa – che stiamo chiedendo alla Regione Basilicata di convocare il comitato regionale di sicurezza.
Sono mesi che chiediamo di riattivare l’osservatorio regionale sugli infortuni e le malattie professionali dando così immediata attuazione alle disposizioni della legge regionale 27 del 18 dicembre 2007.
Una legge allora condivisa e fortemente voluta per conferire effettività al principio della tutela e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro attraverso una serie di azioni positive che si muovono sostanzialmente su due filoni: osservazione permanente del fenomeno degli infortuni sul lavoro e formazione diffusa delle conoscenze dei rischi e delle misure atte a prevenire le conseguenze dannose, capace di coinvolgere.
Gli strumenti legislativi ci sono da anni e necessitano solo di essere attuati. Non c’è altro tempo da perdere. Lo abbiamo già detto e lo ribadiamo: servono investimenti sulla prevenzione e sulla sicurezza, servono assunzioni tra gli ispettori a partire dai tecnici della prevenzione delle Asl, ridotti a poche unità anche in considerazione della vastità di attività industriale che sono presenti sul nostro territorio.

Il governo centrale e le Regioni si facciano carico di questa emergenza sociale che richiede interventi immediati: le continue morti sul lavoro – conclude Summa – sono la dimostrazione tangibile di come a pagare la crisi siano ancora esclusivamente i lavoratori e le lavoratrici, la cui salute e i cui diritti vengono svenduti a vantaggio delle sole logiche del profitto”.

La Cgil tutta si stringe al dolore della famiglia del giovane, originario del napoletano.