Si stava già organizzando per fine anno l’uomo di 32 anni di Campomaggiore, nella cui abitazione aveva circa 30 chilogrammi di fuochi d’artificio di genere proibito, tra cui alcune “bombe carta”.
A scoprirlo i carabinieri del Nucleo Operativo Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Acerenza diretti dal Maresciallo Giuseppe Sorangelo, unitamente alle Stazioni di Albano di Lucania e Pietrapertosa.
L’uomo, che non ha saputo dare spiegazioni sulla provenienza del materiale pirotecnico, deve rispondere anche di furto, essendo stato trovato in possesso di un’autovettura rubata nel materano, alla quale stava apponendo una  targhetta identificativa del telaio per occultarne la provenienza illecita.