Gli studenti delle lauree magistrali in Architettura e di Ingegneria Edile-Architettura, Pianificazione della città, del territorio e del paesaggio, Pianificazione e progettazione della città e del territorio, e Architettura del paesaggio potranno svolgere semestri di studio nell’Università di Firenze e, quindi, conseguire parte dei crediti formativi previsti dal proprio curriculum, contando sul finanziamento da parte dell’Unibas. E gli studenti dell’Ateneo fiorentino potranno trascorrere periodi di studio in Basilicata, con un indubbio ritorno anche per il territorio lucano.
L’iniziativa rappresenta anche un’occasione per favorire interscambi di studenti, professori e ricercatori, visite e stage nelle imprese, incontri di studio e seminari, collaborazioni con altre istituzioni italiane e straniere, enti ed aziende. Accanto ai percorsi didattici, la convenzione è anche un incontro tra due Atenei, e soprattutto tra due aree di grande valore storico e culturale: da un lato i gioielli di Firenze e della Toscana, dall’altro l’unicità di spazi come quelli dei Sassi di Matera e dei tesori che la Basilicata offre.
La convenzione è stata presentata oggi, mercoledì 1 aprile, a Matera, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato la Rettrice dell’Ateneo lucano, Aurelia Sole, il direttore del Dicem, Ferdinando Mirizzi, il  Direttore del Dipartimento di Architettura Dida dell’Università degli Studi di Firenze, Saverio Mecca,  il coordinatore CdLM Architettura e delegata Unibas per la convenzione, Antonella Guida, il delegato del Rettore Unifi per la Convenzione Flaviano Lorusso, il responsabile della convenzione con l’Università di Firenze per il CdS in Operatore dei Beni Culturali, Francesco Sportelli, il coordinatore del Dottorato “Cities and Landscape”, Antonio Conte, il coordinatore del CdS in Paesaggio, Ambiente e Verde Urbano, Paola D’Antonio, il coordinatore del CdS in Operatore dei Beni Culturali, Luigi Stanzione, e il coordinatore del CdLM in Scienze del turismo e dei Patrimoni culturali, Emmanuele Curti.
La Rettice dell’Ateneo lucano, in particolare, ha evidenziato l’importanza di quello che “è anche una sorta di Erasmus interno”e “l’Unibas sta cercando di sostenere gli studenti anche in questo percorso, e l’obiettivo è quello di mettere in circolazione idee e attività di ricerca con l’Unifi”. Per il professor Mecca, “è utile per gli Atenei strutturare percorsi di questo tipo, magari aprendoli in futuro anche ad altre Università: il primo atto con l’Uibas potrebbe realizzarsi già nei prossimi mesi con l’organizzazione di un workshop specifico di progettazione architettonica tra Firenze e Matera”.
Fonte: Ufficio stampa Unibas