lunedì, Settembre 26, 2022
spot_img

Sulle bollette dell’acqua, l’Adoc smentisce Regione ed Egrib

Acquedotto Lucano S.p.A. ha inviato bollette che, tra anticipo sui consumi e conguagli, confermano che, contrariamente alle promesse, la spesa è raddoppiata

Altri articoli

- Advertisement -spot_img

Lunedì 2 agosto 2021 – Il caro bollette dell’acqua è ancora una volta oggetto di analisi dell’Adoc Basilicata che smentisce amministratori regionali e dell’Egrib i quali avevano assicurato che la bolletta sarebbe aumentata da tre a cinque Euro a persona.

“Ebbene, – afferma in una nota Nino D’Andrea, Presidente di Adoc Basilicata – le bollette inviate da Acquedotto Lucano S.p.A. smentiscono le affermazioni degli amministratori e confermano, senza ombra di dubbio, i timori delle associazioni di consumatori.

Acquedotto Lucano S.p.A. ha inviato bollette che, tra anticipo sui consumi e conguagli, confermano che la spesa è raddoppiata.

Il calcolo è presto fatto, basta leggere la bolletta.

A fronte di consumi presunti il conguaglio per una famiglia che non ha sforato il consumo base, si passa da una spesa di circa 100,00 Euro ad una spesa di 166,00 Euro!

Se ai costi per il conguaglio si aggiungono i costi per i consumi (sempre presunti), la spesa si raddoppia.

Nino D’Andrea, Presidente Adoc Basilicata

Chiunque – invita D’Andrea – può controllare il salasso sulla propria bolletta leggendo il riepilogo fattura.

A coloro che sbandieravano rincari contenuti in 5,00 Euro a persona chiediamo di spiegarci come si è giunti a queste bollette.
Per quel che ci riguarda diremo ai cittadini di pagare l’importo corrispondente alla vecchia bolletta con l’aggiunta di 5,00 Euro a persona.

Cioè in una famiglia di tre persone che l’anno scorso ha pagato la sua ultima bolletta di 100,00 Euro diremo di pagare 115,00 Euro complessivi e non il salatissimo conto che gli è stato presentato.

L’ADOC di Basilicata e tutte le altre Associazioni di consumatori sono sempre disponibili ad aiutare i consumatori.

L’ADOC di Basilicata e tutte le altre Associazioni di consumatori – conclude D’Andrea – restano in attesa di confrontarsi con Egrib affinché possa spiegare (con calcoli semplici) come si arriva a bollette così salate”.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli