Pittella su gestione emergenza Covid in Basilicata: “Prove tutte muscoli e distintivo. Bardi, un turista passeggero”

936

Mercoledì 28 ottobre 2020 – “Continuo ad essere preoccupato, per certi versi arrabbiato e anche un pò incredulo, dopo aver ascoltato le parole del Direttore Generale Esposito del Dipartimento Salute”. 

Ad affermarlo è il consigliere regionale del Pd ed ex presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, che in un video su Facebook entra nel merito dell’annuncio fatto da Ernersto Esposito di individuare nell’ospedale di Stigliano una struttura per positivi asintomatici oltre che di rafforzare i nosocomi territoriali e periferici quali Maratea, Chiaromonte e Muro Lucano. 

“Dov’era Esposito quando noi mesi fa già avevamo proposto questi nosocomi per la prima ondata?”, si chiede Pittella, che poi si rivolge al Presidente della Regione: “Ho sentito Bardi dire che si apre la convenzione tra Regione e laboratori privati per effettuare più tamponi nella nostra Regione. Ecco, ora non so dove fosse mesi fa Presidente, ma queste cose ve le avevamo chieste mesi fa, onde evitare pressioni sul settore sanità e attuare prevenzione al contagio”.

Il consigliere dem parla di “sordità volontaria e autoritaria, che porta inevitabilmente i cittadini ad allontanarsi dalle Istituzioni e a creare paura. Sono prove tutte muscoli e distintivo che non portano a nulla”, spiega Pittella. 

Da lì l’appello a Bardi a un “maggiore ascolto anche delle opposizioni e delle comunità, affinchè si operi per il bene comune. Metta in sicurezza gli ospedali, si eviti che questi diventino fonte di contagio e soprattutto si eviti l’ingolfamento della sanità pubblica, lei ha il dovere morale e istituzionale di trovare soluzioni”. “Non è un turista passeggero – conclude Pittella – ha il dovere di operare per il bene dei suoi concittadini. Non vuole ascoltare i nostri suggerimenti? Ce ne faremo una ragione, ma non faccia muro con i cittadini lucani, dimostrando di essere grande quanto umile, non è cortesia, ma dovere istituzionale”.