Partoriente di Cava dè Tirreni positiva al Covid, diventa mamma al “San Carlo”: mancavano i posti letto negli ospedali campani

Il marito: "Mia moglie è stata trattata come una bestia a Salerno. A Potenza ha trovato delle persone meravigliose che amano il proprio lavoro"

3706


Giovedì 15 ottobre 2020 – La gioia per un figlio appena venuto al mondo, unita all’indignazione e alla rabbia per l’odissea vissuta. Davide Bisogno è da poco diventato papà di Giovanni dopo che sua moglie, positiva (ma asintomatica) al Covid, è stata trasferita dall’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno a quello di Potenza.
Con un lungo sfogo sul suo profilo Facebook, il neo papà ha raccontato il calvario della donna: «È stata trattata come una bestia a Salerno, abbandonata a se stessa, dalle 3 di notte quando le è stato comunicato di essere positiva al Covid (asintomatica), l’hanno fatta morire di sete, in preda a dolori allucinanti, ha dovuto soffrire da sola come se avesse avuto la  peste. Ovviamente tutti noi, componenti delle due famiglie, abbiamo fatto i tamponi e sono risultati negativi».
L’uomo, poi, dopo aver fatto ironicamente «i più «sinceri complimenti «al reparto di ginecologia (“parlo del gruppo di lavoro di quel turno specifico, perché peggio di così è difficile, scortesi e ospitalità pari allo zero, amore per il proprio lavoro ed umanità assenti, disorganizzati e andati in  panico dopo la positività di mia moglie”), si rivolge al Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

«Lei – scrive Bisogno – di Salerno conosce probabilmente le spettacolari luci d’artista, ma informatevi anche su come funziona il reparto di Ginecologia, viviamo da 8 mesi con il virus in Italia e non esiste un reparto Covid in Ginecologia a Salerno. Fortunatamente mia moglie è stata trasferita a Potenza dove ha trovato delle persone meravigliose che amano il proprio lavoro, educate e gentili e dove è venuto alla luce la cosa più bella di mamma e papà».
La replica dell’ospedale salernitano è affidata a Mario Polichetti, responsabile del reparto gravidanza a rischio: «È stato fatto tutto secondo protocollo e sono state rispettate tutte le procedure. La signora non è stata trasferita a Napoli in quanto nel reparto Covid mancavano i posti letto. La delocalizzazione a Potenza è stata decisa dal 118 regionale in base ai posti disponibili nelle regioni limitrofe».