L’assessore Rosa a Margiotta: “Che fine ha fatto il Cis?”. E precisa: “La Regione Basilicata ha candidato, nell’ambito del Pnrr, progetti per circa 13 miliardi di euro, dei quali quasi 2 miliardi riguardano il sistema idrico regionale”

907

Sabato 17 luglio 2021 – “La Regione Basilicata ha candidato, nell’ambito del Pnrr,  progetti per circa 13 miliardi di euro, dei quali quasi 2 miliardi riguardano il sistema idrico regionale. Era questo il senso della dichiarazione del presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, nel corso della conferenza stampa tenutasi ieri per presentare il nuovo amministratore unico di Acquedotto Lucano (LEGGI). Ringraziamo il sen. Margiotta per la precisazione e per aver evidenziato il suo impegno per la Basilicata su cui non nutriamo alcun dubbio e siamo certi, quindi, che la nostra regione avrà la giusta soddisfazione nell’ambito del riparto dei fondi del Pnrr anche perché negli ultimi 20 anni la nostra regione ha accumulato un ritardo, anche infrastrutturale, che abbiamo il dovere di recuperare”.


Lo afferma l’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa.

“Il Governo Bardi è consapevole, infatti, che si è davanti a un’occasione storica ed è per questa ragione che è impegnato in prima fila, tanto da candidare una mole enorme di progetti, pur sapendo che non saranno tutti finanziati, soprattutto per evidenziare i reali fabbisogni dei nostro territorio.

Cogliamo l’occasione per ricordare simpaticamente al sen. Margiotta che ancora manca la ratifica del contratto istituzionale di sviluppo (Cis) sul quale abbiamo candidato progetti per circa un miliardo di euro, una parte dei quali da destinare alla gestione della risorsa idrica.

L’iter è terminato da tempo, ma purtroppo né il governo Conte bis, né il Governo Draghi hanno sciolto i nodi.

Pertanto, chiediamo a Margiotta di continuare nel suo impegno lasciando magari ad altri eventuali apprezzamenti sul suo operato”, conclude Rosa.

LEGGI ANCHE…