Gli ingegneri lucani vogliono essere al passo con i tempi ed utilizzare al meglio una professionalità che, sebbene riconosciuta a tutti i livelli, non sempre consente di mettersi sul mercato e competere con chi vive in una realtà che economicamente offre maggiori possibilità.
ff5b893bea32c4eb32b7935fdb7e0991
Consapevoli di questo e altrettanto convinti di quanto importanti possano essere le risorse europee, l’Ordine degli ingegneri di Potenza, attraverso la Fondazione sorta al suo interno, ha deciso di chiamare a raccolta i propri iscritti per meglio capire le procedure di accesso ai fondi europei disponibili con la programmazione 2014-2020.

ingegneria

Nella sede dell’ordine, si è svolto il primo degli otto moduli del corso intensivo di formazione in euro progettazione tenuto da Germana Di Falco, esperta di project design e proposal management, docente nei master in europrogettazione del Sole 24 Ore, di NIBI e della LUISS, collaboratrice esperta per la Commissione Bilancio e Programmazione della Camera dei Deputati, per il Consiglio d’Europa, per il Ministero degli Affari Esteri e per diverse regioni italiane.

Germana Di Falco
Germana Di Falco

Numerosa la partecipazione a conferma che il problema è fortemente sentito. Cosa chiedono gli ingeneri? “Un tavolo di confronto serio con il governo dove si possa discutere di idee progettuali e dopo averle discusse, metterle in atto – ha dichiarato il presidente della Fondazione, Pasquale Stella Brienza – Gli ingegneri lucani sono pronti ad accogliere le nuove sfide anche a livello europeo ma c’è bisogno di risolvere una serie di problemi fra cui gli ostacoli derivanti da una normativa farraginosa e da una burocrazia che rallenta le procedure”. “Chiediamo – ha concluso Pasquale Stella Brienza – che la tanto annunciata semplificazione venga attuata soprattutto per quanto riguarda l’utilizzo delle risorse comunitarie”.
Pasquale Stella Brienza
Pasquale Stella Brienza

Come intercettarle, cosa fare per non perdere le opportunità da esse derivanti, sono stati e saranno i tempi del corso, presentato in anteprima italiana durante la II Conferenza Nazionale sulla Formazione Continua in Ingegneria tenutasi a Cernobbio lo scorso 10 ottobre.