Domani, 22 aprile, Giornata nazionale della salute della donna | Ambulatorio ginecologico aperto al Crob di Rionero per le donne ucraine

538

Giovedì 21 aprile 2022 – In occasione della Giornata nazionale della salute della donna che si celebra domani 22 aprile, la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere promuove, in collaborazione con la Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, l’apertura di 45 ambulatori ginecologici dedicati alle donne provenienti dall’Ucraina in 13 regioni italiane. Al progetto di solidarietà, lanciato da Fiaso e Sigo, hanno aderito 38 aziende sanitarie e ospedaliere in tutta Italia per un totale di 45 ambulatori. SEGUE DOPO LA PUBBLICITA’.

L’Irccs Crob ha da subito dato il suo convinto contributo all’iniziativa nazionale attivando l’ambulatorio dedicato con la ginecologa Francesca Sanseverino, referente aziendale Fiaso Sigo per il progetto Ucraina, al fine di dare risposta ai bisogni di salute al femminile delle rifugiate.
Vivo apprezzamento per l’adesione all’iniziativa è stato espresso dall’assessore alla Salute della Regione Basilicata Francesco Fanelli.

Dal 22 aprile le rifugiate ucraine potranno accedere a servizi diagnostici, clinici e di supporto psicologico dedicati ed essere assistite per urgenze ostetriche e ginecologiche e per la prevenzione e il follow up delle patologie ginecologiche.

Oltre ai test per lo screening Covid19 e alle vaccinazioni, le donne ucraine potranno rivolgersi agli ambulatori aderenti all’iniziativa per ecografie o pap test o tamponi vaginali.

A disposizione, per informazioni e dubbi, il numero verde 800 592 782 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13): a rispondere al telefono ci sarà un’operatrice di lingua ucraina in grado anche di tradurre, in caso di necessità, le richieste delle pazienti a medici e operatori sanitari. Il servizio di mediazione culturale è a cura della Sigo.

Secondo gli ultimi dati del Ministero dell’Interno sono circa 96mila le persone fuggite dalla guerra e arrivate finora in Italia: di queste più della metà, oltre 50mila, sono donne, accompagnate da 35mila minori e circa 11mila uomini.