L’Osservatorio per l’Ambiente Lucano, per il progetto che ha previsto il processo di certificazione del bosco di Gallipoli Cognato, si è aggiudicato il terzo premio nazionale e una menzione speciale all’interno del progetto di Legambiente “Premi Comunità Forestali Sostenibili”
02_parcogallipolicognato
Nel Luglio 2015, in collaborazione con il Safe (Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali), l’Osservatorio per l’Ambiente Lucano ha partecipato al processo di certificazione delle foreste Regionali gestite dall’Ente Parco di Gallipoli Cognato per una superficie totale di circa 4300 ettari.
Il Premio Comunità Forestali Sostenibili, ideato dal Pefc (Programme for Endorsement of Forest Certification) Italia insieme a Legambiente e Anci, con il  patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare ha l’obiettivo di raccogliere e promuovere le migliori pratiche di valorizzazione delle risorse forestali e montane, evidenziando al tempo stesso l’importanza di valorizzare le aree collinari e montane, da troppo tempo sottovalutate nelle scelte di molti amministratori, a livello nazionale e locale.

Visitatori a Monte Croccia
Visitatori a Monte Croccia

“Quello forestale – osserva Mario Atlante, Presidente del Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane – è uno dei settori che rappresenta in modo più evidente l’opportunità di attivare uno sviluppo sostenibile, basato su risorse locali e rinnovabili, fornendo prodotti naturali lungo tutta la filiera bosco-legno e integrandosi facilmente con l’agricoltura estensiva, biologica e con il turismo del territorio. Con la nostra iniziativa abbiamo voluto mettere in evidenza che è possibile la gestione sostenibile delle foreste, trovando il giusto equilibrio tra uomo e natura, in un contesto di valorizzazione e di progresso condiviso”.
Castelmezzano tra i centri più suggestivi del parco
Castelmezzano tra i centri più suggestivi del parco

Il premio di Legambiente arriva in un momento di forte investimento dell’Ente Parco Regionale che sta lavorando anche per la raccolta, codificazione, bonifica e pubblicazione in formato OpenData, di tutte le principali informazioni relative al parco, alla fauna, alla flora e alla loro gestione quotidiana.
Link sponsorizzato
Link sponsorizzato

time_square
Link sponsorizzato

Link sponsorizzato
Link sponsorizzato

link sponsorizzato
link sponsorizzato