Potenza | “Quale futuro per gli abitanti di Bucaletto”, incontro dibattito il 21 luglio

L’incontro è promosso dal neonato Laboratorio Politico cittadino e dal consigliere comunale Pierluigi Smaldone

373

Martedì 19 luglio 2022 – Si terrà a Potenza giovedì 21 luglio alle ore 18:00 presso la Sala delle Commissioni del Comune del capoluogo sita in Piazza Sedile un incontro-dibattito dal titolo: Quale futuro per gli abitanti di Bucaletto?

L’incontro è promosso dal neonato Laboratorio Politico cittadino e dal consigliere comunale Pierluigi Smaldone.

A rischio 70 alloggi popolari. A rischio 10 milioni di euro. L’esigenza di confrontarsi su un tema così delicato nasce dalla volontà di stigmatizzare gli inaccettabili ritardi e le lacune dell’Amministrazione Comunale di Potenza in relazione ai 70 alloggi di edilizia residenziale pubblica di Bucaletto che vede una irrealistica disputa tra ATER Potenza, Comune di Potenza e Regione Basilicata.

Tutto questo per evidenziare il ritardo dovuto a beghe interne che hanno creato e continuano a creare enormi problemi nella cittadinanza, un modo concreto per puntare l’indice contro l’immobilismo delle istituzioni chiamate a dare immediate e celeri risposte ai residenti.

La Lega con l’Assessore alle Infrastrutture, Donatella Merra e il Sindaco di Potenza, Mario Guarente – si afferma in una nota – vogliono espropriare del suo ruolo e dalla sua mission istituzionale l’ATER della Provincia di Potenza esautorandola dal compito di realizzare 70 alloggi di edilizia popolare e 10 locali a Bucaletto, mettendo a rischio finanziamenti FESR e POC Regionali pari a 7 milioni di euro da utilizzare entro il 31/12/2025, frutto di una convenzione firmata nel 2019.
Così facendo, oltretutto, si creerebbero le condizioni per aprire contenziosi che condurrebbero alla drammatica conseguenza di dover restituire 3 milioni di euro del cofinanziamento ATER ad oggi esistente.
Di questo e delle possibili azioni atte a contrastare l’incapacità dei nostri amministratori si parlerà durante l’incontro alla presenza di cittadini e società civile.