Fumata nera a Tempa Rossa, la Total chiarisce: errore di manovra ma nessun problema per l’ambiente

191

Marted’ 30 giugno 2020 – Dopo l’allarme causato dalla fumata nera uscita da una delle torrette del centro olio di Tempa Rossa,giunge la precisazione della Total con una nota sollecitata dai sindaci dell’area e dallo stesso assessore all’ambiente della Regione, Gianni Rosa che – vedi servizio – ha avviato subito dopo l’incidente delle verifiche attraverso l’Arpab.

Cosa dice la Total?

Nella giornata di ieri, 28/06/2020 alle ore 18:00, durante le attività di preparazione ai test dell’unità di recupero zolfo del Centro Olio Tempa Rossa nell’ambito delle prove di esercizio in corso, in particolare in occasione della inertizzazione a pressione con azoto di una sezione dell’unità, l’errata apertura di una valvola in uscita da una colonna provocava il passaggio di azoto verso l’inceneritore dell’unità di recupero zolfo.

L’azoto, sostituendosi in parte all’ossigeno provocava una cattiva combustione del gas metano nel bruciatore dell’inceneritore che causava la fuoriuscita di fumo nero dal camino dell’apparecchiatura.


L’effetto è durato soltanto qualche minuto (dai tre ai quattro minuti).

Durante e dopo il breve periodo di fumosità rilevata, le stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria ubicate intorno al centro olio nelle diverse direzioni non hanno evidenziato emissioni anomale o superamenti delle soglie normative.
Nessuna conseguenza per la sicurezza e la salute delle persone“.