Danni alle colture. La Cia chiede la dichiarazione dello stato di calamità

69

Sono ingenti i danni causati dal maltempo nel Metapontino. A segnalarlo sono Giuseppe Stasi Presidente CIA Agr. Italiani Matera e  Donato Distefano Coordinatore CIA Agr. Italiani.
In una lettera inviata all’ Assessore Fanelli e al direttore Del Corso hanno segnalato l’eccezionale evento calamitoso (tromba d’aria e raffiche di vento) verificatosi nella notte tra l’11 e il 12 Novembre c.a. e che si abbattuto nell’area del Metapontino provocando ingenti danni a strutture e colture del settore agricolo.

In particolare si segnalano danneggiamenti a strutture  e colture nei
seguenti Comuni e seguenti località:
POLICORO : Danni alle produzioni e alle strutture –
Via Lido, Via Trieste, Via Fiume, Via San Giusto, Via Oberdan, Pantano
Soprano e Pantano Sottano.

SCANZANO J.CO: Danni alle produzioni e alle strutture –
Via Provinciale per Montalbano, Località Recoleta, Via Val D’Agri, Terzo
Madonna

PISTICCI: Danni alle produzioni e alle strutture –
Zona San Teodoro vecchia fino alla DX Basento.

TURSI: Danni alle produzioni e alle strutture –
Località Troyli e Località Marone

ROTONDELLA: Solo danni alle produzioni –
Località Caramola, Trisaia e Pianure
La difficile e critica situazione creatasi rende indispensabile che si attivino le previste procedure finalizzate alla decretazione per il riconoscimento dello stato di calamità ai sensi e per gli effetti delle vigenti disposizioni di legge in materia di calamità naturali ed eventi meteorici eccezionali in agricoltura.